Indietro
menu
ultima lezione in natura

Montagna terapia. Un corso del CAI per dare sempre più strumenti di inclusione

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 10 lug 2024 11:48 ~ ultimo agg. 18:12
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è concluso nei giorni scorsi, con un’uscita nelle montagne riminesi, il corso di accompagnamento in progetti di montagna terapia, promosso dalla Sodas Cai, la nuova struttura operativa di accompagnamento solidale per la formazione dei soci.

Il corso, che ha visto una nutrita partecipazione delle sezioni del club alpino italiano di Rimini e Cesena con i rispettivi gruppi di montagna terapia, sì è articolato in quattro lezioni teoriche, e una conclusiva che si è tenuta tra i boschi e in particolare nella Faggetta di Pianaquadio nel comune di Montecopiolo dove faggi maestosi mantengono un ambiente incontaminato creando un ambiente ideale per gli eventuali progetti inclusivi che le due sezioni vorranno mettere in campo.

I docenti intervenuti sono stati la presidente della Sodas Ornella Giordana e il presidente della sezione CAI di Torino Marco Battain componente commissione medica CAI centrale. “Sempre in pieno spirito inclusivo e solidale altre socie e soci si aggiungono alla grande famiglia della Montagna terapia  per un Cai che cammina al fianco di tutti senza lasciare indietro nessuno” è il commento dei partecipanti e dei promotori.