Indietro
menu
il sindacato all'assessore Donini

CAU e accessi al Pronto Soccorso: Snami: non c'è stata diminuzione

In foto: Pietro Pesaresi
Pietro Pesaresi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 11 lug 2024 12:45
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo il bilancio sui CAU fatto nei giorni scorsi dalla Regione (vedi notizia) arriva una presa di posizione molto critica dello dello Snami, il Sindacato Nazionale Autonomo Medici Italiani. Durante la presentazione l’assessore alla Sanità ha spiegato come in Emilia-Romagna, da gennaio a maggio 2024, i 42 Centri di assistenza urgenza attivi  hanno ridotto la pressione degli accessi in Pronto soccorso del 15,5% per i codici bianchi e del 9% per i codici verdi.

Caro Raffaele Donini, lei dice che i Pronto Soccorso vengono sgravati dai centri di assistenza e urgenza ma così purtroppo non è – scrive Pietro Pesaresi, vicepresidente regionale dello Snami -. I dati (forniti da Asl) dicono che in Romagna nel primo quadrimestre 2024 gli accessi totali in PS sono aumentati rispetto allo stesso quadrimestre dello scorso anno del 5,6% (PS generale ) e 8,4 % (PS specialistico). Un dato impressionante. Perché lei non cita questo dato che è il più importante di tutti?”. Il dottor Pesaresi presenta poi uno schema nel quale mostra “come funziona il “giro” dei pazienti e perché gli accessi totali ai PS aumentano nonostante i Cau”. In sostanza, secondo Snami, i codici bianchi vanno ai Cau, ma poi di li con codici non più bianchi tornano al pronto soccorso.

 

Per concludere: “le statistiche contano quando sono espresse nella loro interezza. Dire “accessi al ps ridotti del 15%” quando invece gli accessi totali reali aumentano può essere leggermente fuorviante)“.