Indietro
giovedì 25 luglio 2024
menu
Campionato Sammarinese

Curiosità per il Murata "brasiliano": si muove Globo TV. Esordio sabato

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 14 set 2023 11:16
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Murata sabato al debutto (ore 15): affronta il Faetano sul campo di Domagnano. È il momento della verità per la squadra di mister Angelini su cui si sono accesi i fari della ribalta per la presenza nella rosa di nove giocatori di origine brasiliana.

A tal proposito qualche giorno fa a Montecchio è arrivata una troupe di Globo TV che era in Repubblica per un servizio su San Marino: un’occasione per il conduttore e influencer Lucas Fernandes intervistare il veterano Fabio Vitaioli e Peters, uno dei giovani carioca, chiamato a raccontare le emozioni dei giovani compagni in vista di questa avventura internazionale a San Marino.

Il Murata è squadra mediamente giovane, in cui ci sono anche quattro Nazionali Under 21 sammarinesi (Terenzi, Matteoni, Toccaceli e Rastelli).
“Siamo pronti, sono curioso di vedere come ci comporteremo in una partita ufficiale. Siamo in buona condizione, voglio vedere se e quanto di quello che di buono proponiamo in allenamento riusciamo a farlo vedere anche in partita perché è qui che viene il difficile – dice mister Angelini – . Siamo giovani, dobbiamo crescere, specialmente sotto il profilo realizzativo ed è quello che cercheremo di fare. Le premesse sono buone perché l’atteggiamento è positivo e c’è una buona cultura del lavoro”.

Come si schiera il Murata?
“Siamo una squadra che ha voglia di proporsi, che cerca di fare gioco, sbarazzina, il modulo non conta. Conta l’atteggiamento, l’equilibrio tra i reparti, il tipo di avversario. Il Faetano, una squadra forte che l’anno scorso ci ha eliminato al turno preliminare dei playoff, è un test assai probante”.

Obiettivo stagionale?
“Alzare l’asticella rispetto alla scorsa stagione e cercare di colmare almeno in parte il gap dalle big”.