Indietro
menu
Valmarecchia preoccupata

Il Pd attacca: inaccettabile smantellare il Pronto Soccorso di Novafeltria

In foto: L'ospedale Sacra Famiglia di Novafeltria
L'ospedale Sacra Famiglia di Novafeltria
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 1 ago 2023 11:41 ~ ultimo agg. 14:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Preoccupa in Alta Valmarecchia il futuro dell’ospedale Sacra Famiglia di Novafeltria. L’ultima tegola arriva nell’ambito della riforma dell’emergenza/urgenza varata dalla giunta dell’Emilia Romagna che prevederebbe la trasformazione del Pronto Soccorso un un Centro di Assistenza e Urgenza (CAU) condotto da un medico non specializzato. A lanciare l’allarme, dopo il comitato “Giù le mani dall’ospedale di Novafeltria”, è il Pd di Novafeltria che chiede proprio alla Regione di fermare il declino del Sacra Famiglia vincolando l’Ausl Romagna ad applicare le disposizioni del decreto Balduzzi configurandolo come presidio ospedaliero in area disagiata (come promesso dal presidente Bonccini nel 2018) e dotandolo così di un organico medico specializzato in medicina d’urgenza. Il Pd lancia un appello al sindaco di Novafeltria Stefano Zanchini a fare fronte comune “affinché il diritto alla salute dei cittadini di Novafeltria e di tutta la vallata sia finalmente garantito”. “Il lento declino del Sacra Famiglia non può più essere tollerato – attacca il Partito Democratico –: la posta in gioco sono la tenuta sociale e i diritti fondamentali dei cittadini di questo territorio”.