Indietro
menu
proposta liberale e moderata

Riccione in Azione annuncia il direttivo con tre nuovi ingressi

In foto: Riccione in Azione
Riccione in Azione
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
sab 17 giu 2023 12:05 ~ ultimo agg. 12:39
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Riccione in Azione annuncia il nuovo direttivo. Entrano a farne parte Cristian Amatori, Maurizio Cento e Riccardo Nistri.
La presentazione dei tre nuovi entrati:
Cristian Amatori porterà la sua esperienza politica ed amministrativa. Ha assunto il primo incarico professionale nella pubblica amministrazione dopo una laurea, un master in diritto pubblico, un altro in economia, tre anni come coordinatore di un centro di ricerca universitario sulle politiche europee, altri tre da responsabile di progetto in un istituto della fondazione universitaria per la formazione di dirigenti pubblici. Negli ultimi 15 anni l’impegno diretto negli enti locali con responsabilità gestionali e di coordinamento.

Maurizio Cento rappresenta invece la continuità visto che era presente anche nel precedente direttivo di Riccione in Azione. Medico Chirurgo, specialista in Chirurgia Vascolare (Università di Parma), ha lavorato per 25 anni in vari ospedali pubblici, negli ultimi 12 anni presso la Unità Operativa di Chirurgia Vascolare di Rimini.

Riccardo Nistri è il profilo giovane che vanta già un’importante esperienza con gli Under 30 di Azione. Ricordando che Azione è il partito più votato dai giovani, Riccardo Nistri di professione è neurologo. Si è avvicinato ad Azione frequentando alcuni eventi degli under 30 di Firenze in Azione e la scuola di formazione politica di Azione.

“Con questo gruppo, avvieremo nei prossimi giorni subito la nuova campagna di tesseramento e una politica propositiva sempre per Riccione, anche in vista delle eventuali nuove elezioni comunali dove Azione si collocherà al centro della contesa elettorale con una proposta liberale e moderata”.