Indietro
martedì 26 settembre 2023
menu
Al Queen’s Club di Cattolica

Galimberti Tennis Academy Open, tanti romagnoli tra i 17 italiani

In foto: Mazzola, Spina e Ganea
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
dom 18 giu 2023 21:38
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Primi match nelle qualificazioni del “Galimberti Tennis Academy Open”, torneo ITF Future maschile con montepremi di 25.000 dollari scattato sui campi in terra del Queen’s Club di Cattolica, dove terrà banco sino a sabato 24 giugno (ingresso gratuito per tutta la durata della manifestazione).

Tra i quindici giocatori italiani in lizza per un posto nel tabellone principale (unico “intruso” al turno di qualificazione l’indiano Rushil Khosla), con sfide decisive in programma lunedì dalle ore 11, c’è anche lo junior Carlo Alberto Caniato, portacolori del Tennis Villa Carpena Forlì, destinatario di una wild card, mentre sono usciti di scena i tre giovani allievi della Galimberti Tennis Academy che hanno avuto la possibilità di gareggiare nelle qualificazioni, ovvero Filippo Mazzola, Tommaso Spina e il rumeno Matei Andrei Ganea. In chiave romagnola niente da fare anche per gli imolesi Enrico Baldisserri e Filippo Bettini.

L’Academy guidata da Giorgio Galimberti, che ricopre il ruolo di direttore del torneo accanto al supervisor ITF Guido Pezzella, sarà comunque ben rappresentata da sei suoi atleti nel main draw. Si tratta del ravennate Enrico Dalla Valle, subito chiamato a un derby romagnolo con il riminese Manuel Mazza (finalista oggi nel 15.000 dollari di Chieti), di Andrea Picchione, sorteggiato contro il tedesco Jakob Schnaitter, e del pesarese Federico Bertuccioli (dovrà vedersela con Pietro Marino), entrati direttamente con la loro classifica, ai quali si sono aggiunti con wild card il riccionese Alessandro Pecci (opposto al russo Kirill Kivattsev), l’altro romagnolo Daniel Bagnolini (il 20enne di Cervia attende un qualificato) e il davisman sammarinese Marco De Rossi, impegnato al 1° turno con l’altro tedesco Leopold Zima. Altro osservato speciale – almeno dagli appassionati locali – sarà di certo l’altro riccionese Marcello Serafini, fresco vincitore del titolo proprio nel 15.000 dollari di Chieti e ottava testa di serie, pure lui abbinato a un tennista proveniente dalle qualificazioni.

In cima al seeding del primo appuntamento internazionale nella storia della “Regina dell’Adriatico” c’è il 19enne peruviano Gonzalo Bueno (n.404 del ranking mondiale), anch’egli chiamato a debuttare con un qualificato, così come l’esperto brasiliano Daniel Dutra Silva (n.420 Atp, con in bacheca qualcosa come 25 trofei ITF), terza testa di serie, mentre lo spagnolo Carlos Lopez Montagud (n.417 Atp), secondo favorito del tabellone e lo scorso anno capace di conquistare cinque titoli in questo circuito, affronta all’esordio Andrea Bacaloni.

Tra i protagonisti più attesi anche alcuni giovani azzurri in crescita, a cominciare dal 21enne lombardo Samuel Vincent Ruggeri (n.456 Atp), quarta testa di serie, in campo nel match serale di lunedì alle 21 con Giuseppe Tresca (l’altro match di singolare di main draw è alle 18 il derby tricolore fra Samuele Pieri e Carlo Alberto Fossati), e dal 19enne siciliano Gabriele Piraino (n.485 Atp), quinta forza del seeding, senza dimenticare il ritrovato Julian Ocleppo, sesto favorito del tabellone e vincitore del titolo nel 25.000 dollari di Frascati domenica scorsa, entrambi abbinati dal sorteggio a giocatori passati attraverso le qualificazioni.

RISULTATI 1° TURNO QUALIFICAZIONI
Jacopo Landini (Ita) b. Gabriele Moghini (Svi, n.1) 46 64 10-7, Christian Fellin (Ita, n.14) b. Filippo Bettini (Ita) 61 62, Rushil Khosla (Ind, n.9) b. Luigi Castelletti 63 76(5), Luca Fantini (Ita) b. Francesco Cano (Ita) 63 75, Leonardo Taddia (Ita, n.8) b. Artiom Sinytsin (Rus) 60 60, Riccardo Campagnola (Ita) b. Luca Parenti (Ita, n.12) 63 62, Andrea Meduri (Ita) b. Nicolò Toffanin (Ita, n.15) 61 61, Federico Marchetti (Ita, n.5) b. Giulio Colacioppo (Ita) 64 61, Giammarco Gandolfi (Ita, n.10) b. Filippo Mazzola (Ita) 61 64, Filippo Romano (Ita) b. Gianluca Di Nicola (Ita, n.3) 62 63, Manuel Plunger (Ita, n.6) b. Matei Andrei Ganea (Rom) 61 61, Gregorio Biondolillo (Ita, n.13) b. Leonardo Mazzucchelli (Ita) 64 75, Maximilian Figl (Ita, n.7) b. Tommaso Spina (Ita) 60 62, Carlo Alberto Caniato (Ita) b. Stefano D’Agostino (Ita, n.4) 62 63, Davide Galvanin (Ita) b. Antonio Mazzeo (Ita, n.16) 75 61, Federico Valle (Ita, n.11) b. Enrico Baldisserri (Ita) 62 64.