Indietro
menu
Cattedrale gremita

Monsignor Anselmi saluta Genova: "Vado a Rimini sereno". E con un'auto nuova

In foto: dalla diretta di IlCittadinoTV
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 14 gen 2023 11:02 ~ ultimo agg. 15 gen 12:33
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è svolta venerdì nella Cattedrale di San Lorenzo, la Celebrazione Eucaristica di saluto alla Diocesi e alla Città di Genova di Mons. Nicolò Anselmi, vescovo eletto di Rimini: una Cattedrale che non è riuscita a contenere tutte le persone che hanno voluto ringraziarlo.

All’inizio della celebrazione il ringraziamento, con un abbraccio, da parte dell’arcivescovo di Genova Mario Tasca “per il prezioso e provvidenziale servizio di questi anni”. “Sei stato un fratello e un compagno di viaggio e amico”, gli ha detto.

“Grazie di tutto il bene che mi volete e che mi avete voluto”, ha esordito monsignor Anselmi. “Ho sentito un fiume di amore che mi ha travolto”, ha detto commuovendosi riferendosi alla sua esperienza da vescovo ausiliare di Genova: “Una città operosa, impegnativa, bellissima”. “Mi sono sentito amato e ho amato tanto questa città, questa chiesa e questa Regione”. E soprattutto “Ringrazio Dio per il dono del suo Figlio”.

“Rimini è lontana ma non lontanissima”, quindi l’intenzione di tornare a Genova di tanto in tanto “senza dare fastidio”, anche per trovare la sorella “che è una discreta cuoca”. “Affido voi, me stesso, la nostra Diocesi, la Diocesi di Rimini alla Madonna”.

Il ringraziamento dalle istituzioni è arrivato dal vicesindaco Pietro Piciocchi: “”hai servito questa chiesa e l’hai percorsa in ogni angolo remoto e l’hai servita con umiltà e dedizione. Genova è orgogliosa di avere un figlio come te”. Poi monsignor Andrea Parodi, economo diocesano, gli ha annunciato il regalo di un’auto, da parte della sua comunità, per agevolare le sue visite a Genova visto che è “scooterista impenitente” ma il viaggio in scooter non è affrontabile.

“Vado a Rimini piuttosto sereno, se dicessi che sono spaventato direi una bugia”, ha detto nel ringraziamento finale. “Intanto sento la scuola di spiritualità e di amore per la Chiesa che ho fatto qui, ho imparato tante cose da tutti voi”. “Ci vado sereno perché so che lo Spirito Santo ci conduce lui. Non sono preoccupatissimo, andrò là a offrire me stesso”.

Presente, insieme a diversi vescovi e sacerdoti, anche il Cardinal Angelo Bagnasco. L’ingresso di monsignor Anselmi nella Diocesi di Rimini è in programma domenica 22 gennaio.

Meteo Rimini
booked.net