Indietro
menu
100.000 passeggeri

L'aeroporto di Forlì rilancia con Aeroitalia: 18 destinazioni (8 estere)

In foto: il Ridolfi di Forlì
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 12 gen 2023 16:09 ~ ultimo agg. 13 gen 15:54
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’aeroporto di Forlì (gestito da F.A- – Forlì Airport) fa sul serio e, oltre ai collegamenti Ryanair, rilancia la partnership strategica con Aeroitalia, la nuova compagnia che ha iniziato le sue operazioni di volo proprio al Ridolfi lo scorso 9 luglio. Da marzo il vettore italiano baserà un aeromobile modello ATR72-600 (capacità 68 posti) e un Boeing 737-700 (capacità 148 posti) nello scalo forlivese. I voli partiranno il 26 marzo e saranno 18 le destinazioni collegate (10 nazionali e 8 internazionali).
Da Forlì si potrà tornare a volare in tutta la Sicilia (Catania, Trapani, Lampedusa, Pantelleria e Comiso), in Sardegna (Olbia, Cagliari e Alghero) e poi a Brindisi e Napoli. Previsto anche lo sviluppo di un network di voli internazionali a corto raggio:
Lourdes e Mostar contribuiranno alla ripresa dei pellegrinaggi
dopo alcune stagioni di limitata operatività;
Zara e Dubrovnik in Croazia renderanno raggiungibili alcune delle destinazioni Adriatiche attualmente più di moda (Pag, costa di Makarska, etc.);
Zante e Cefalonia nelle Isole Ioniche greche come
alternativa alle più note destinazioni nelle Cicladi e nel Dodecaneso;
Belgrado, porta d’accesso a tutti i Balcani;
Oradea – città romena quasi al confine con l’Ungheria – renderà
raggiungibile sia la regione della Transilvania romena che il sud dell’Ungheria.

La partnership definita prevede la condivisione del rischio operativo tra i soggetti coinvolti su tutte le rotte domestiche già operate dal vettore la scorsa estate (Napoli, Brindisi, Alghero, Catania, Trapani, Lampedusa ed Olbia) che saranno vendute sia da Aeroitalia sia da Go To Travel, la neonata società di Tour Operating controllata al 100% da F.A. S.r.l., che agirà sul mercato in qualità di Agente di Viaggio di Aeroitalia. Go To Travel potrà avvalersi dei canali di distribuzione di
Aeroitalia per commercializzare anche le altre rotte operate. L‘obiettivo, spiegano le società, è quello di raggiungere nel 2023 un volume complessivo di oltre 100.000 passeggeri in arrivo/partenza dal Ridolfi che si andranno a sommare a quelli gestiti da altri vettori (come i voli Ryanair per Palermo e Katowice). L’obiettivo sono i 230.000 passeggeri totali (numero in linea con quello 2022 dell’aeroporto di Rimini).
I voli saranno in vendita già nei prossimi giorni sui siti web delle rispettive società e sulle principali piattaforme distributive. Tre sono le classi tariffarie disponibili che si differenziano per tipologia di bagaglio incluso e parametri di flessibilità in fase di modifica o cancellazione.

Dopo l’estate 2022 abbiamo ritenuto necessario fare insieme ad
Aeroitalia un’attenta analisi degli importanti risultati raggiunti nella prima stagione di totale ripresa del traffico aero post pandemia– sottolinea Giuseppe Silvestrini, Presidente di F.A. srl e di Go To Travel Srl. Attraverso questo lavoro congiunto siamo arrivati a definire un modello ancora più evoluto di partnership che lega ora in maniera ancora più stretta Forlì al vettore italiano. Oltre a consolidare gli investimenti recentemente fatti sulle rotte domestiche che verranno riproposte, le nuove destinazioni scelte per il Network estivo rappresentano il miglior mix disponibile che tiene in considerazione i volumi di traffico storici, il potenziale e l’esclusività di alcune mete.
Gaetano Intrieri, Chief Executive Officer di Aeroitalia dichiara: “Aeroitalia è orgogliosa di proseguire la partnership con F.A. e di poter supportare la crescita di Go To Travel e con essa quella dello scalo romagnolo che grazie all’impegno ed alle capacità degli azionisti e del management, sta contribuendo allo sviluppo delle attività economiche del territorio.