Indietro
menu
Ritorno strategico

Riccione torna in UniRimini. Sadegholvaad e Bellini: notizia positiva

In foto: Sadegholvaad e Bellini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 20 dic 2022 11:56
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Dopo il via libera unanime dal consiglio comunale di Riccione per il rientro nella compagine gestionale di UniRimini, arriva il commento del sindaco e della vicesindaca di Rimini, Jamil Sadeghovaad e Chiara Bellini. In una nota congiunta, i due parlano di una “notizia molto positiva per il futuro dell’ateneo nonché un grande valore aggiunto per l’offerta formativa dell’intero territorio“.

 

Sadegholvaad e Bellini sottolineano anche “un chiaro segnale della volontà da parte delle amministrazioni locali di lavorare in squadra a favore di una realtà, quella di UniRimini, che è fondamentale per la crescita e la vitalità espressa dal riminese, le quali passano inevitabilmente dalla capacità di creare e stimolare un fermento culturale cittadino e di richiamare le migliori eccellenze accademiche e professionali“.

L’Università – proseguono – costituisce per Rimini un presidio indispensabile per innalzare il nostro livello attrattivo, così come per poter continuare quell’incessante processo internazionalizzazione che i banchi universitari, grazie anche all’arrivo di tanti studenti europei e stranieri, continua a nutrire, facendo della comunità riminese una città sempre più in dialogo con il resto del mondo. Uno scambio reciproco di conoscenze, saperi e competenze che per noi rappresenta un plus enorme con risvolti anche sul versante del mercato del lavoro e sulla crescita dell’industria turistica.” E la presenza di Riccione come partner, secondo sindaco e vicesindaca, “sarà centrale per progettare in sinergia, unendo le energie, l’orizzonte e i prossimi step di UniRimini, con lo scopo di definire nuove strategie e di puntare a un ulteriore consolidamento del Campus, sia sul piano della didattica che di un suo maggiore radicamento nel territorio e ampliamento“.