Indietro
menu
con materiali di recupero

Fatti dai piccoli gli addobbi degli alberi di Natale di Cattolica

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 20 dic 2022 16:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono stati realizzati dai bimbi del Nido d’infanzia e Spazio Giochi, delle scuole dell’infanzia Torconca, Ventena, Maestre Pie, Corridoni, Papa Giovanni XXIII e le classi prime delle scuole primarie dell’Istituto Comprensivo di Cattolica gli originali di addobbi natalizi che sono andati a colorare gli alberi di Natale di Cattolica, utilizzando anche materiali di scarto e di recupero per un messaggio “di pace” ecologico ed artistico.

L’iniziativa è stata promossa dal Laboratorio di Educazione all’Immagine del Settore scuola e politiche educative, ed ha trovato l’adesione di tutti i servizi educativi e culturali della città.

In particolare il Nido dell’infanzia e Spazio Giochi ha realizzato gli addobbi per l’albero al Centro Culturale Polivalente, la Scuola dell’infanzia Ventena al Cinema Teatro Snaporaz, la Scuola dell’infanzia Torconca al Teatro della Regina, la Scuola dell’infanzia Maestre Pie al Palazzo del Turismo, la Scuola dell’infanzia Corridoni a Palazzo Mancini, la Scuola dell’infanzia Papa Giovanni XXIII e le classi prime delle scuole primarie dell’Istituto Comprensivo di Cattolica al Mercato Coperto.

L’assessore alla Scuola e politiche educative Federico Vaccarini spiega come sia “veramente importante per tutta quanta la città poter ospitare le creazioni che le bambine e i bambini hanno realizzato grazie alla preziosa collaborazione delle insegnanti ed educatrici dei servizi educativi della città. Cattolica si appresta ad accogliere un nuovo Natale attraverso un messaggio di pace, fratellanza e amore che è possibile scorgere attraverso gli sguardi e le opere delle bambine e dei bambini. Cogliamo l’occasione per invitare tutti a soffermarsi ad ammirare queste opere che consentono di apprezzare quanto di bello viene realizzato all’interno dei servizi educativi e scolastici che si aprono alla comunità”.