Indietro
menu
i tratti interessati

31 nuovi occhi elettronici per la videosorveglianza sul parco del Mare

In foto: ©Riccardo Gallini /GRPhoto
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 27 dic 2022 14:53 ~ ultimo agg. 16:47
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Prosegue il piano di potenziamento della rete di videosorveglianza lungo il Parco del Mare a Rimini: sono stati installati 19 nuovi occhi elettronici tra il tratto 1 il tratto 3, a cui se ne aggiungeranno altri 12 nei primi giorni di gennaio. Sono telecamere di ultima generazione e sono già in funzione. Il montaggio è stato completato durante le festività natalizie. Sette nel tratto 1 del Parco del Mare-Lungomare Tintori, le altre 12, invece, nel tratto 3 (da piazza Marvelli a piazza Benedetto Croce), per “assicurare un più vasto controllo di quanto succede lungo il waterfront riminese grazie al ‘dialogo’ tra il comando della Polizia Locale, gli uffici del sistema informativo comunale e di quelli dei lavori pubblici”, dice il Comune. Il monitoraggio sarà attivo tutti i giorni, 24 ore su 24.

Si aggiunge in questo modo un altro tassello alla maxi operazione di potenziamento del sistema di sorveglianza locale, frutto di una collaborazione tra Comune di Rimini e Lepida, con il contributo della Regione per “aumentare ed estendere il livello di sicurezza e di tutela” fornendo alla Polizia locale e alle Forze dell’ordine gli strumenti “in più per svolgere le necessarie attività di monitoraggio e vigilanza”. E nei primi giorni di gennaio arriveranno altre 12 apparecchiature ad alta definizione tra il tratto 2 (da piazzale Kennedy a piazza Marvelli) e il tratto 3 del Parco del Mare. Tutto per “incrementare il grado di sicurezza urbana e impedire a monte eventuali episodi di vandalismo o di criminalità attraverso il meccanismo della prevenzione e la segnalazione di situazioni anomale alle forze di Polizia”, commentano gli assessori Mattia Morolli (Lavori pubblici), e Juri Magrini (Sicurezza).