Indietro
giovedì 1 dicembre 2022
menu
Finanziato dall'Unione Europea
Le opinioni espresse sono tuttavia solo quelle degli autori e non riflettono necessariamente quelle dell'Unione Europea. Né l'Unione Europea né l'autorità concedente possono essere ritenuti responsabili per loro.
monitoraggio su appalti

PNNR. In provincia procedimenti per 7,8 milioni. Tavolo sugli appalti

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 21 nov 2022 14:20 ~ ultimo agg. 14:48
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Attualmente, i procedimenti in corso relativi agli appalti del PNRR, gestiti dalla Stazione Unica Appaltante della Provincia di Rimini, hanno un valore di 7,8 milioni di euro, di cui 3 milioni per la mobilità, 3,8 milioni per le scuole e 969 mila euro per la sicurezza del territorio. In totale, i Comuni della provincia hanno in corso procedimenti PNRR per complessivi 276 milioni di euro. I numeri sono emersi nel corso del secondo incontro del tavolo provinciale di monitoraggio sugli appalti pubblici, presenti le organizzazioni datoriali e di categoria, gli uffici gare e appalti degli Enti locali e la Stazione Unica Appaltante della Provincia di Rimini.

Di fronte a questi numeri – ha dichiarato il presidente della Provincia Riziero Santiè fondamentale fare fronte comune, e un Osservatorio provinciale di monitoraggio degli appalti, in collegamento con gli Enti locali, i sindacali e le organizzazioni datoriali, può assicurare un funzionale confronto, anche preventivo, sulle procedure d’appalto. Una misura di prevenzione e contrasto ai tentativi di infiltrazione della criminalità organizzata nell’economia legale del territorio, ma anche di promozione della qualità del lavoro e della cultura della legalità, tutelando l’impresa sana e i lavoratori occupati negli appalti pubblici, contribuendo alla qualità di un lavoro degnamente retribuito e prevenendo infortuni e malattie professionali. Se si lavora bene tutti insieme possiamo contrastare l’irregolarità delle condizioni di lavoro e l’illegalità, assicurando al contempo la migliore qualità delle opere pubbliche.”

 Il tavolo di monitoraggio scaturisce dal Patto per la promozione della legalità, della sicurezza e della qualità del lavoro negli appalti di lavori della provincia di Rimini, sottoscritto lo scorso 11 agosto, sulla scorta del Patto per il Lavoro e per il Clima, da: Provincia di Rimini, i 27 Comuni, Confindustria Romagna, CGIL Rimini, CISL Romagna, UIL Rimini, FILLEA-CGIL Rimini, FILCA-CISL Romagna, FENEAL-UIL Rimini, ANCE Romagna, CNA Rimini, Confartigianato Rimini, Confcooperative Romagna, AGCI Emilia-Romagna, Legacoop Romagna, Cassa Edile FCR, CEDAIIER, Scuola Edile Artigiana Romagna, Scuola Sicurezza Formazione Edilizia della Romagna Accorpata (S.F.E.R.A.). Al Patto ha poi aderito anche la Camera di Commercio della Romagna.

 

 

 

 

Altre notizie
Meteo Rimini
booked.net
]