Indietro
menu
in cima alla classifica

Fibra ottica, a Rimini la copertura si estende a tutte le aree

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 28 nov 2022 15:59 ~ ultimo agg. 17:39
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’infrastrutturazione digitale di Rimini avanza “in maniera spedita e si fa sempre più concreto con la recente aggiudicazione dei lavori di cablaggio all’azienda Oper Fiber tramite bando”. Lo spiega l’assessore alla Transizione Digitale di Rimini, Mattia Morolli. “Una notizia positiva che si aggiunge all’interlocuzione che come amministrazione comunale stiamo portando avanti da mesi con Infratel, braccio operativo del ministero dell’Economia. Un dialogo e una collaborazione costante che farà di Rimini una delle città italiane pioniere di questa straordinaria operazione di infrastrutturazione digitale del territorio, che permetterà a tutte le aree, a partire dalle più interne e decentrate, di essere coperte da fibra ottica”.

“Attraverso questo processo di modernizzazione, che garantirà una connessione rapida e veloce alle zone cosiddette del forese – prosegue Morolli – si affermerà un principio più generale: parità di accesso ai servizi nelle diverse aree cittadine, che siano esse la Marina, il centro o le frazioni sopra la Statale 16″. Il progetto in questione colloca Rimini “in cima alla classifica nazionale in termini di transizione digitale” e rappresenta “uno degli obiettivi centrali di questo mandato amministrativo, permettendo di operare una vera ricucitura urbana del territorio comunale”. I lavori partiranno dalle zone di San Paolo e Santa Cristina, per arrivare alla zona di San Vito, in un periodo dalla primavera 2023 all’estate del 2026. Circa 5.000 i cittadini interessati.

Dopo aver cablato poli scolastici e realtà industriali, prosegue Morolli, “un ulteriore passo in avanti, per coprire con fibra ottica e servizi digitali tutto il territorio senza distinzioni, affermando un egualitario ‘diritto alla connessione’ che, oltre a quello sociale, culturale e informativo, ha anche un valore economico visto che sempre più aziende del territorio fondano la loro competitività sulla velocità di risposte a una clientela che risiede anche oltre provincia”.