Indietro
menu
una questione delicata

Pillola abortiva nei consultori. APG23 e Federvita: donne non siano lasciate sole

In foto: archivio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 4 ott 2022 17:21 ~ ultimo agg. 17:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Con la pillola abortiva le donne che vivono una gravidanza indesiderata diventeranno invisibili e non sarà possibile ascoltarle e sostenerle. Chiediamo al Presidente Bonaccini e all’Assessore alla Sanità Donini di non lasciare ancor più sole le donne”. E’ quanto dichiarano la Comunità Papa Giovanni XXIII e FederVita Emilia-Romagna in merito alla decisione della Regione Emilia-Romagna di rendere disponibile la pillola abortiva RU486 anche nei consultori (vedi notizia).

“L’uso della pillola abortiva risulta inoltre molto più doloroso per una donna a causa delle prolungate emorragie ed i dolori addominali. Dalle testimonianze raccolte, in assenza di un ricovero ordinario, il momento in cui le donne vedono l’espulsione del feto risulta traumatico”, continuano le associazioni in una nota congiunta. “La fretta di somministrare la pillola abortiva rischia di far venire meno sia la settimana di riflessione, salvo casi d’urgenza, sia il supporto alle donne. Due misure a tutela delle donne previste per legge. Infine – concludono le associazioni- da quando si è diffusa la pillola abortiva sono calate le richieste d’aiuto: occorre invece garantire alle donne l’ascolto, la condivisione delle incertezze di una gravidanza imprevista e l’eventuale supporto”

]