Indietro
menu
gli altri capoluoghi

Chi lo accende per ultimo. In Emilia Romagna corsa al non riscaldamento

In foto: il municipio di Bologna
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 27 ott 2022 19:27
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Le temperature assai miti più alte delle medie stagionali (vedi notizia) hanno fatto partire una corsa a chi accende più tardi il riscaldamento. Già la data iniziale nella zona dell’Emilia Romagna stabilita dal Governo per la zona climatica E ha posticipato la data dal tradizionale 15 ottobre al 22. Poi diversi comuni, compreso Rimini, hanno posticipato al 3 novembre.

Oggi arriva la notizia dell’ordinanza dei comuni di Bologna e Imola che posticipano la data di accensione degli impianti di riscaldamento al 7 novembre, quando a Natale mancherà solo un mese e mezzo. Con la possibilità di anticipare, comunque, in caso di bruschi cali delle temperature.

A Ferrara invece è stata stabilita una nuova modalità di tariffazione per la fornitura del teleriscaldamento: un prezzo fisso per la quota relativa alla risorsa geotermica ottenuto dal confronto tra Comune e Hera.