Indietro
menu
allarme anche per la sanità

Caro energia. Gianfreda: anche il terzo settore è a rischio

In foto: l'assessore Gianfreda
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 5 ott 2022 18:11 ~ ultimo agg. 18:14
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il caro bollette si fa sentire anche per le associazioni, con i costi delle utenze “raddoppiati o triplicati dall’oggi al domani”. Nei giorni scorsi l’assessore alla Protezione sociale del Comune di Rimini, Kristian Gianfreda, ha raccolto “con preoccupazione gli appelli lanciati da alcune tra le principali comunità del territorio”. Realtà, sottolinea, che oggi “sono messe spalle al muro da un’emergenza inaspettata”. Piccole e grandi associazioni e cooperative, prosegue, “faticano a trovare la liquidità necessaria per evadere le bollette” e “in molti casi è impensabile se non impossibile introdurre razionamenti o significative riduzioni dei consumi”.

Per Gianfreda il quadro è “allarmante” e coinvolge, oltre al terzo settore, anche le strutture ospedaliere e sanitarie. L’assessore nei prossimi giorni, per cercare di fare il punto della situazione e valutare eventuali azioni sinergiche, convocherà un incontro con il terzo settore, ma “è chiaro che in questa difficilissima partita l’intervento del governo è quanto mai indispensabile e urgente”. Palazzo Garampi si è comunque mosso in anticipo, per esempio con la campagna di informazione avviata insieme alle associazioni territoriali di Federconsumatori, Adoc e Adiconsum, oltre a diverse misure di supporto economico e in arrivo c’è ora il “pacchetto fiducia”. Tuttavia, ribadisce, “qualsiasi misura di cui un Comune potrà farsi carico non sarà mai abbastanza a fronte della crisi che potrebbe aprirsi”.

]