Indietro
menu
quattro nel riminese

Accoglienza ucraini. In Emilia Romagna finanziati 42 progetti con mezzo milione

In foto: immagine Caritas Italiana
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 7 ott 2022 15:51 ~ ultimo agg. 16:52
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sono 42 i nuovi progetti di accoglienza per gli ucraini presentati da Comuni e Unioni di Comuni che saranno finanziati con oltre mezzo milione (esattamente 516.747 euro) provenienti dalla raccolta fondi per l’emergenza Ucraina promossa dalla Regione. La Giunta Bonaccini infatti ha approvato la graduatoria del bando dello scorso luglio che fa seguito alla legge regionale “Misure urgenti di solidarietà in favore della popolazione Ucraina“, approvata dall’Assembla legislativa regionale l’8 aprile. Un pacchetto di iniziative di sostegno che coprono l’intero territorio regionale, informa la Regione, finanziate al 100% delle spese ammissibili e che dovranno concludersi entro il prossimo 31 dicembre. Il contributo massimo ad ogni singolo progetto arriva fino a 25.000 euro nel caso delle città capoluogo di provincia e a 15.000 euro per i Comuni piccoli e le Unioni di comuni. Della somma complessiva, oltre 310.000 euro saranno utilizzati per il sostegno ai minori per le spese legate al servizio mensa delle scuole, circa 124.000 euro vanno a finanziare iniziative per la promozione di attività sportive, quasi 47.000 euro la promozione di iniziative culturali e gli oltre 35.000 euro rimanenti sono indirizzati all’acquisto di libri in lingua Ucraina.

Dei 42 progetti finanziati 12 fanno capo ad enti locali della provincia di Bologna, sei ciascuna a quelle di Modena e Forlì-Cesena, più altri cinque alla provincia di Ravenna. Completano il quadro Rimini (quattro progetti accolti), Reggio Emilia e Piacenza, entrambe con tre progetti), Ferrara (due) e Parma (un progetto finanziato). In particolare, per il sostegno e la promozione della pratica sportiva è stata data priorità a due tipologie di azioni: l’emissione di voucher da 200 euro e il riconoscimento di rimborsi spese per l’ospitalità di atleti ucraini in strutture sul territorio regionale. Nell’ambito della promozione culturale la priorità ha invece riguardato l’emissione di voucher da 200 euro per la frequenza di corsi di musica, teatro, danza, oltre al riconoscimento di rimborsi spese per l’ospitalità concessa ad artisti ucraini presso strutture del territorio”. Prosegue intanto la raccolta fondi promossa dalla Regione per l’assistenza e l’aiuto umanitario ai profughi ucraini, che ha superato quota due milioni e 250.000 euro, grazie a oltre 10.000 donatori.