Indietro
menu
oltre a quelle esistenti

A Rimini una mappa di venti edifici pubblici per produrre col fotovoltaico

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 5 ott 2022 19:24 ~ ultimo agg. 19:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il Comune di Rimini cerca nuove strade per produrre energia pulita e a basso costo.  In particolare, sono stati individuati una ventina di immobili idonei tra scuole, palestre, parcheggi, per una somma di potenza installabile pari a 4,49 MW: la scuola elementare Sforza, il pattinodromo, la palestra Romeo Neri, la casa del Volley e il centro di via De Warthema, per citarne alcuni. I nuovi impianti di produzione di energia da solare si aggiungeranno a quelli già presenti a Rimini tra impianti pubblici e privati e che oggi forniscono una produzione di circa 31,7 megawatt.

 “La prospettiva è quella di creare comunità energetiche pubbliche – spiega l’assessore all’Ambiente Anna Montinicondividendo la produzione solare e riducendo così la dipendenza da altre fonti elettriche”.

In tutto il territorio comunale sono già attive 41 officine elettriche da fotovoltaico con potenza installata superiore a 80KW”, come quelle della Fiera, del parcheggio del parco di Fiabilandia, del Football Village o alla scuola Primo Maggio. “Questo a testimonianza di un percorso di transizione energetica già avviato ma a cui oggi è indispensabile apportare una accelerata per rispondere in maniera concreta alla crisi che stiamo attraversando”. Di pari passo alla creazione di nuove comunità energetiche va il processo di efficientamento energetico del patrimonio di immobili comunali. “Ad oggi contiamo sei tra scuole e palestre a Nzeb (Nearly Zero Energy Building) con consumo di energia vicina allo zero e due in classificazione energetica A1”.

]