Indietro
menu
Situazione complessa

Tribunale. Erbetta (FI): carenza cronica di personale, all'Unep 5 soli addetti

In foto: Il tribunale di Rimini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 21 set 2022 15:31
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Il tribunale di Rimini sconta una cronica carenza di personale, particolarmente accentuata nell’Ufficio Unep, quello degli ufficiali giudiziari. A denunciarlo è l’avvocato Mario Erbetta, coordinatore di Forza Italia a Rimini. “Nonostante la buona volontà delle persone addette agli uffici del Tribunale – spiega – la carenza cronica del personale condiziona in modo negativo lo svolgimento regolare dei procedimenti“. Erbetta evidenzia poi la situazione dell’ufficio Unep dove da quasi 15 addetti, ne sono rimasti solo 5 a causa dei tanti pensionamenti ma senza nuove integrazioni. “Avere solo cinque unità lavorative e svolgere dall’accettazione atti agli sfratti, ai sequestri, ai pignoramenti e tanto altro nella provincia di Rimini che ha 250.000 abitanti – dice il coordinatore azzurro – vuol dire inevitabilmente rallentare tutta la macchina della Giustizia riminese, sperando poi che nessuno degli addetti si ammali o abbia infortuni perchè in quel caso si avrebbe la paralisi totale dell’ufficio e dei processi“. Erbetta ricorda le proposte di Forza Italia Sul tema: “una seria riforma della Giustizia a partire da nuove assunzioni per colmare le carenze croniche di organico dei Tribunali, all’inappellabilità delle sentenze di assoluzione penale di primo e secondo grado, alla separazione delle carriere tra magistratura giudicante e magistratura inquirente“.
Dopo le elezioni – conclude – mi farò promotore tramite i parlamentari eletti di Forza Italia affinchè gli stessi battano i pugni sul tavolo del Ministero della Giustizia per riuscire a colmare i vuoti di organico cronici dell’ufficio Unep di Rimini e di tutto il Tribunale di Rimini in modo che i nostri concittadini riescano ad avere quella giustizia veloce e certa che meritano“.