Indietro
menu
risolta questione competenza

Sequestrano ragazzo per farsi pagare la droga, nuovo provvedimento per i tre fermati

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 11 set 2022 11:47 ~ ultimo agg. 12 set 14:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Giovedì mattina i Carabinieri della Sezione Radiomobile di Riccione, presso la casa circondariale di Rimini, hanno notificato un nuovo provvedimento di custodia cautelare in carcere emesso per competenza, dal Tribunale di Bologna, nei confronti di tre soggetti già ristretti a seguito del loro arresto in flagranza di reato, operato dai militari riccionesi lo scorso 23 agosto.
Con il nuovo provvedimento, emesso a seguito di declaratoria d’incompetenza in sede di prima emissione della misura cautelare, l’Autorità Giudiziaria del capoluogo emiliano ha contestato ai tre indagati le ipotesi delittuose aggravate di sequestro di persona a scopo di estorsione e rapina.
Nel corso di un servizio di controllo del territorio, gli uomini dell’Arma erano intervenuti in soccorso di alcuni giovani vittime di rapina. Inoltre, dopo aver raccolto alcune testimonianze e visionato i filmati delle telecamere della videosorveglianza, i carabinieri avevano accertato che una delle vittime era stata trattenuta contro la propria volontà dagli aggressori.
A causa di un mancato pagamento di droga, i tre indagati, stranieri, avevano trattenuto un ragazzo per ore in attesa che qualcuno pagasse il debito. Nel frattempo lo avevano rapinato del suo cellulare. Solo dopo questa ricostruzione e dopo aver rintracciato i tre soggetti, i Carabinieri avevano proceduto al loro arresto in flagranza per le ipotesi di sequestro di persona a scopo di estorsione, rapina aggravata, nonché per spaccio di sostanze stupefacenti e porto abusivo d’armi e pertanto condotti in carcere.
Durante l’attività di controllo dei soggetti è emerso inoltre che uno dei presunti autori del sequestro era destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dalla Corte d’Appello di Milano per reati commessi in quel territorio.