Indietro
menu
Vantaggi anche per Rimini

Potenziamento dorsale Adriatica: da Bologna a Bari in 5 ore

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 1 set 2022 17:10
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

In treno da Bologna a Bari (585 km) in poco più di 5 ore rispetto alle 6 ore e mezza attuali. Arrivano buone notizie per la linea ferroviaria Adriatica visto che oggi il Ministero delle Infrastrutture e Mobilità sostenibili ha dato il via libera al progetto di Rfi (Rete ferroviaria italiana) che, a fronte di un investimento complessivo di circa 8,5 miliardi di euro, porterà a un potenziamento tecnologico della linea. Interessate in particolare le tratte tra Bologna e Imola (30 km e un nuovo doppio binario con inizio in corrispondenza del Bivio San Vitale e termine in corrispondenza della stazione di Imola) e, in un secondo momento, tra Imola e Castelbolognese da cui si dirama la linea per Ravenna (previsto un quadruplicamento) per un valore complessivo di 2,3 miliardi di euro. Senza diminuire il numero di fermate e con treni che viaggeranno a 200 chilometri all’ora. La linea Adriatica consentirà all’Italia di avere, caso unico a livello europeo, un secondo corridoio ferroviario di rango primario nell’ambito delle reti europee TEN-T.

Soddisfazione viene espressa dalla struttura tematica trasporti dei Giovani Democratici di Rimini, che avevano più volte e in vari tavoli sollecitato l’intervento. “Ora – il responsabile transizione ecologica giusta dei Gd della provincia di Rimini Alessandro Romanocontinueremo a lavorare e sollecitare, affinché vengano potenziati i collegamenti ferroviari nazionali e internazionali, con particolare riferimento verso Firenze e Roma con un treno veloce e verso Zurigo, col proseguimento nei mesi estivi su Rimini del treno Eurocity Zurigo/ Bologna, oltre che l’ incremento delle fermate del trasporto regionale a Santarcangelo di Romagna sulla direttrice Piacenza- Rimini/Ancona per un trasporto ferroviario, parte del motore della transizione ecologica nel nostro territorio.