Indietro
menu
completato il preliminare

Nuova Marecchiese prioritaria e urgente. Morrone e Salvini incontrano Comitato

In foto: l'incontro con Morrone e Salvini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 6 set 2022 15:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Il progetto della nuova ‘Marecchiese’ è fra quelli prioritari che la Lega solleciterà al prossimo Governo”.
Lo afferma Jacopo Morrone, candidato del centrodestra nel collegio uninominale della Camera di Rimini, che già negli anni scorsi ha sostenuto la necessità di una nuova strada di collegamento tra l’alta Valmarecchia, la costa e le grandi arterie autostradali e tra Rimini e Sansepolcro.
“Un’arteria di importanza vitale anche per i nuovi insediamenti industriali in alta valle che aspetta da oltre un trentennio di essere riqualificata e messa in sicurezza. Quattro quindi le ragioni a sostegno del progetto: velocizzare i tempi di percorrenza, rendere più sicura la strada, aumentare la sostenibilità ambientale e invertire il fenomeno dello spopolamento della Valmarecchia, con l’obiettivo di potenziare gli insediamenti industriali già esistenti e di favorire l’insediamento di nuove aziende”.
“Il preliminare tecnico-economico è arrivato al traguardo, come ha anticipato il sindaco di Novafeltria Stefano Zanchini alla stampa il 6 settembre – commenta Morrone – ora occorre verificare che sia all’altezza delle aspettative per poi procedere spediti”.
Di qui, l’incontro con gli esponenti del ‘Comitato Valmarecchia Futura’ con Matteo Salvini e Morrone, avvenuto nei giorni scorsi.
Morrone segue da tempo in prima persona la questione che riguarda la strada statale 258. Nel 2021 ha presentato un question time in commissione Ambiente sollecitando il ministro delle Infrastrutture ad attivarsi concretizzando quanto promesso al territorio senza tergiversare. “L’auspicio – conclude Morrone – è che il prossimo Governo inverta i tempi biblici che occorrono oggi in Italia anche per realizzare un’infrastruttura indispensabile”.