Indietro
menu
incontro con gli albergatori

Morrone e Raffaelli: una legge per riconoscere status di 'città balneare'

In foto: Morrone e Raffaelli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 15 set 2022 07:31 ~ ultimo agg. 09:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I parlamentari Jacopo Morrone, candidato alla Camera nel collegio uninominale di Rimini ed Elena Raffaelli, candidata alla Camera per la Lega sostengono “la necessità di una legge da far passare subito che assegni alle località turistiche balneari il riconoscimento di uno status specifico, quello di ‘città balneare’. La richiesta è stata avanzata un anno fa al G20 delle Spiagge, è arrivato il momento di passare ai fatti per risolvere le problematiche dei comuni costieri, in primis quell’effetto ‘fisarmonica’ creato dalla sostanziale differenza tra i residenti abituali e le presenze turistiche in periodi specifici dell’anno. Con la legge i comuni costieri potrebbero avere più risorse e quindi garantire servizi eccellenti e più sicurezza. Intorno al turismo girano tutte le filiere produttive più importanti che sono l’anima dell’economia della Romagna e di tutta la regione. Sul turismo dobbiamo investire perché il nostro Paese ha importantissime potenzialità in questo comparto che sono ancora inespresse”.

I due esponenti della Lega hanno incontrato i rappresentanti riminesi di Federalberghi: “Un incontro estremamente interessante e proficuo anche per le sollecitazioni e le opportune richieste che sono arrivate dagli addetti ai lavori. ll nostro immenso patrimonio turistico va valorizzato come una fonte unica di sviluppo e ricchezza per il Paese. E’ il nostro ‘oro nero’, come è stato detto durante la riunione, e come tale deve essere tutelato senza sottostimarne i problemi. Il modello turistico romagnolo è unico ma necessita di sostegni e di progetti che, come ha detto saggiamente la presidente Patrizia Rinaldis, non durino dalla sera alla mattina ma rispondano a una visione e abbiano un ampio respiro. La nostra forza è l’appartenenza al territorio e pensiamo che la collaborazione su progetti condivisi sia la carta vincente. L’obiettivo è che questo territorio, Rimini e la Romagna, abbia rappresentanti al Governo perché stanno lì tutte le opportunità. Abbiamo la possibilità di andare al Governo e di portare a casa risultati importanti”.