Indietro
lunedì 26 settembre 2022
menu
Baseball Serie A

Mediolanum New Rimini vince due partite, ma non basta per restare in Serie A

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
lun 12 set 2022 14:59
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Ad un passo dalla salvezza Mediolanum New Rimini cede nel finale della terza partite e deve dare l’addio alla serie A. Dopo averne vinte due per 4-3 e 11-1, cede 3-4 nella terza e decisiva partita.

Un risultato bruciante e deludente, che impone un attento ragionamento sul futuro. La dirigenza si riunirà a mente fredda nei prossimi giorni e imbastirà il programma per il prossimo anno. Inutile fare commenti ora, dopo una delusione così grande e comunque ad un passo dal ribaltare la doppia sconfitta di Castelfranco Veneto. Ora è il tempo di riflettere sull’esito del campionato e mettere insieme le condizioni affinché il futuro del baseball riminese sia diverso da ciò che è oggi.

Gara1
Mike Romano sceglie Aiello quale partente, mentre per i Dragons c’è Eric De La Rosa sul monte di lancio. Il punteggio si sblocca al secondo inning con tre punti per Mediolanum: il doppio di Cortesi porta a punto Pandolfi e Cifalinò, poi è il giovane interbase ad arrivare a casa grazie alla volata di Focchi.

Al terzo inning un singolo di Pandolfi manda a punto Bonemei e ad un terzo di gara i riminesi sono sul 4 a 0.

Gli ospiti reagiscono subito dimezzando lo svantaggio alla quarta ripresa, complice qualche sbavatura riminese.

Al quinto inning Tognacci rileva Aiello e al sesto i Dragons completano la rimonta. Parte Albert Valenzuela con un singolo e poi arrivano le valide di Tonolo e Bencomo, prima di un doppio gioco difensivo che argina la rimonta e la limita al pareggio.

Sul 4 a 4 la partita procede con la tensione della gara decisiva. Mediolanum lascia due uomini in base al settimo e poi al nono arriva la vittoria.

Con due out, Bertagnon si prende la base ball, Perazzini lo sostituisce e ruba la seconda, poi Gabrielli (3 su 4 e 2 RBI) con una legnata porta a casa il punto del 5-4.

Finisce con Mediolanum che batte 11 valide a 10, la coppia Aiello-Tognacci mette a segno 9 strike out. Dall’altra parte De La Rosa effettua 148 lanci ma stavolta non riesce a vincerla.

Gara 2
Nella gara serale sale in cattedra Eriel Carrillo, il lanciatore cubano di Mediolanum che domina la partita fino alla ‘manifesta’ che chiude all’ottavo sull’11 a 1 per i padroni di casa.

Sul monte dei Dragons c’è Rafael Martinez Torrez che al secondo inning viene toccato dai riminesi che si portano sul 2 a 0.

I Dragons mettono sotto pressione Carrillo al quarto: triplo di Brunati, poi intenzionale a Sciacca e Sanson con una volata consente la segnatura che dimezza lo svantaggio.

Al sesto inning Mediolanum si porta sul 3 a 1: singolo di Perazzini che vola in terza sulla battuta di Bertagnon e poi a casa sul sacrificio di Canini.

Finisce qui la partita di Martinez Torrez e sul rilievo Sciacca arriva l’allungo definitivo di Mediolanum con tre punti al settimo e cinque all’ottavo che definiscono l’11 a 1 finale.

I numeri descrivono la partita di Carrillo: in otto inning concede tre valide, una base ball e mette a segno 14 strike out. Nel box sempre caldissimo Gabrielli (2/3), con Cifalinò 2/4.

Gara 3
Nella gara decisiva sul monte di Mediolanum parte Di Giacomo, mentre i Dragons hanno in serbo la carta dell’italo venezuelano Giacomo Marcantonio Polanco. Per quattro riprese il punteggio non si sblocca, poi i veneti segnano sia al quinto che al sesto. Il 2 a 0 impone una riscossa che puntuale arriva al settimo: parte Baccelli con un doppio e poi i singoli di Gabrielli e Bonemei portano, insieme alla palla messa in gioco da Cifalinò, al pareggio, 2 a 2. L’inning decisivo è l’ottavo: i Dragons segnano due volte grazie ad un singolo di Eric De La Rosa che porta al rilievo di Tognacci su Ridolfi, subentrato a Di Giacomo dopo 5.1 riprese. Nella parte bassa Mediolanum riceve tre basi ball ma segna solo un punto: 4 a 3. Al nono non cambia il punteggio nonostante le valide di Cifalinò e Perazzini.