Indietro
menu
terapia senza danni

17 settembre giornata per la sicurezza del farmaco. A causa del caro energia niente illuminazione arancione

In foto: repertorio
di Lucia Renati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 14 set 2022 15:01
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Per la Giornata Mondiale della Sicurezza dei Pazienti 2022, il 17 settembre, che quest’anno avrà come tema la “Sicurezza del farmaco” e come slogan “Medication without harm (terapia senza danni)” l’Ausl Romagna ha messo in campo punti informativi e dépliant sull’uso sicuro dei farmaci e corretto utilizzo degli antibiotici. L’Azienda USL della Romagna, aderirà alla World Patient Safety Day con iniziative di sensibilizzazione attraverso l’allestimento di postazioni informative dalle ore 9 alle ore 12 di sabato 17 settembre nelle principali strutture sanitarie territoriali dell’Azienda. Quest’anno il tema della sicurezza delle cure riguarda, soprattutto il tema delle poli-terapie e l’uso corretto degli antibiotici. Procedure terapeutiche non sicure ed errori in terapia sono, infatti, una delle principali cause di lesioni e danni evitabili ai pazienti nei sistemi sanitari di tutto il mondo. Inoltre l’uso eccessivo di  antibiotici, quando non necessari, rende i microbi resistenti e riduce, nel tempo, l’efficacia di questi farmaci.
Piastra Servizi dell’ospedale Bufalini Cesena, Centro Socio Sanitario Via Colombo, 7 di Forlì, Medicina di Base, Via Circonvallazione occidentale 87 di Rimini, Centro di Medicina
e Prevenzione CMP di Ravenna con la presenza  di professionisti aziendali e rappresentanti dei Comitati Consultivi Misti (CCM) a disposizione dei cittadini, per sensibilizzare, informare e offrire loro consigli e opuscoli informativi sulle modalità di gestione della terapia farmacologia e sul buon uso degli antibiotici, così da ridurre eventuali rischi di errore.

A differenza degli altri anni, gli edifici non saranno illuminati di arancione a causa del caro energia che sta preoccupando tutti in questi giorni. L’Assessorato della regione Emilia Romagna e l’AUSL Romagna hanno deciso di non rinnovare per quest’anno la tradizione dell’illuminazione di arancione di alcuni edifici simbolici per le gravi difficoltà legate ai costi energetici.