Indietro
menu
tragedia a viserba

Schianto sull'Adriatica, indagato il conducente della Mini. Resta grave la 16enne

In foto: la moto Benelli dopo l'impatto (foto Migliorini)
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 23 ago 2022 16:09 ~ ultimo agg. 24 ago 14:37
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Come da prassi è indagato per omicidio stradale e lesioni personali stradali gravissime il 24enne sammarinese alla guida della Mini Cooper che domenica, poco prima di mezzanotte, ha centrato in pieno la moto Benelli 125, condotta dal 18enne tennista sammarinese Simone De Luigi, deceduto nella mattinata di lunedì all’ospedale Bufalini di Cesena (vedi notizia). Resta invece in condizioni definite molto gravi la 16enne che viaggiava alle sue spalle. La giovane, anche lei sammarinese, nel tremendo impatto ha perso il piede sinistro. Attualmente è ricoverata in Rianimazione, la prognosi è riservata.

La polizia Stradale nel frattempo continua gli accertamenti per ricostruire l’esatta dinamica. Una prima ricostruzione porta a ritenere che De Luigi abbia azzardato una inversione a U in un punto proibito della Statale Adriatica, poco dopo lo svincolo all’altezza dello stabilimento della Sacramora a Viserba, dove termina il guard rail che separa le due corsie. Gli agenti della Polstrada hanno raccolto le testimonianze di alcuni automobilisti, oltre a quella del 24enne indagato e delle due ragazze, anche loro sammarinesi, che erano con lui in auto.

L’apertura di un fascicolo da parte della Procura di Rimini in questi casi è un atto dovuto. A breve il magistrato di turno incaricherà anche un perito per stabilire l’esatta velocità di percorrenza della Mini, in un tratto dove limite imposto dal codice della strada è di 70 chilometri orari. Solo gli accertamenti tecnici potranno spazzare via gli eventuali dubbi su un aspetto, quello della velocità, di fondamentale importanza. Il conducente della vettura, che non avrebbe avuto il tempo materiale per evitare il tremendo impatto, si sarebbe trovato all’improvviso davanti a sé la moto di De Luigi, con il tennista che avrebbe chiuso il gas della sua Benelli per iniziare una pericolosissima inversione a U venendo così centrato in pieno alle spalle.