Indietro
venerdì 30 settembre 2022
menu
UEFA Futsal Champions League

Loznica Grad-Folgore Futsal 17-1

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 25 ago 2022 23:41
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

LOZNICA GRAD-FOLGORE 17-1

IL TABELLINO
LOZNICA GRAD: Vulic, Kocic, Stojkovic, Dandan, Ramic. A disp.: Nikolic, Peric, Janjic, Ristanovic, Rakic, Milosavljevic, Avramovic, Rosic, Dos Santos. All.: Borko Surudzic.

FOLGORE: Geri, Pasqualini, Chezzi, Bernardi, Belloni. A disp.: S. Stefanelli, Giardi, A. Stefanelli, Pelliccioni, Mainardi, Zafferani, Tassitano, Pellegrini. All.: Massimiliano Spada.

Arbitro: Hikmat Qafarli (Aze).
Assistente: Mantas Pomeckis (Ltu).
Terzo ufficiale: Gordon McCabe (Sco).

Marcatori: 2′, 18′, 32′ Kocic, 4′ Peric, 11′ Dandan, 13′, 15′ Dos Santos, 14′ Avramovic, 19′, 28′, 31′ Stojkovic, 20′, 40′ Milosavljevic, 24′ Pellegrini (F), 27′ Ristanovic, 30′ Ramic, 31′ Rosic, 32′ Janjic.

Ammonito: Chezzi (F).

CRONACA E COMMENTO
Nel complicatissimo esordio europeo – i campioni di Serbia segnano addirittura 17 reti – la Folgore Futsal ha di che festeggiare, perché mette a segno una marcatura che resterà indelebile nella storia della società di Falciano e della Repubblica di San Marino. Al ventiquattresimo minuto il tempo si ferma e Thomas Pellegrini entra di diritto negli annali con un centro che, se non sposta gli equilibri in campo, corona comunque gli sforzi e i sacrifici della squadra di Falciano.

Il numero 11 segna così il primo gol in maglia giallorossonera, dopo averne inflitto uno da avversario nella finale di campionato dello scorso 3 giugno. Sono infatti molti gli innesti voluti dalla società e dal tecnico Spada per arrivare più competitivi possibili a questo palcoscenico e del quintetto iniziale solo Chezzi e Bernardi facevano già parte del gruppo la scorsa stagione. Il risultato di parità dura un minuto e mezzo, poi il Loznica Grad fa valere il tasso tecnico decisamente superiore e Mainardi e compagni fanno il possibile per contenere le sfuriate serbe. Finché il gol di Pellegrini ha un valore che va ben oltre il risultato sul campo e carica i campioni di San Marino in vista dell’impegno di domani contro i padroni di casa del Minerva.