Indietro
menu
Albe in controluce

Barbarossa ironizza sulla sicurezza a Riccione e incanta duemila persone

In foto: Luca Barbarossa (foto Daniele Casalboni)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 28 ago 2022 12:49 ~ ultimo agg. 29 ago 12:42
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Riccione: serenata all’alba. Mai visti così tanti mattinieri in colpo solo. Grazie”. Parola di Luca Barbarossa al suo primo concerto all’alba. Circa duemila persone hanno puntato la sveglia presto in questa domenica di fine agosto per ascoltare il cantautore romano, molto amato anche dal pubblico radiofonico per la popolarissima trasmissione “Radio2 Social club” che si è esibito alla zona 128 di Riccione per l’ultimo appuntamento di “Albe in controluce”.

Non è mancata una battuta ironica sulla polemica degli ultimi giorni riguardanti la sicurezza nella Perla Verde, con le pesanti dichiarazioni di Emis Killa e Facchinetti (vedi notizia).

“Vi dirò che avevo un po’ paura, per le voci che sono girate negli ultimi giorni su Riccione, dicevano che era come il Bronx. Ieri sera, appena arrivato, mi volevano portare a cena fuori e ho detto: «Ma che siete matti?!? Facciamoci portare la cena in camera»” Barbarossa ha così strappato una risata e un caloroso applauso. Poi ha aggiunto “E invece vi devo dire che sono uscito e sono stato benissimo”.

Ha anche raccontato di una collaborazione con la Romagna che nell’ultimo anno lo ha portato a scrivere il pezzo “È così“: “È una canzone che ho scritto con Mirco Mariani degli Extraliscio, un musicista eccezionale. Così si è fatto più forte il mio legame con la Romagna, la “east coast” italiana, io che ho iniziato suonando per strada i pezzi dei cantanti della West Coast, ma quelli americani. Ogni tanto rifaccio quei pezzi nei miei concerti perché voglio sempre ricordarmi da dove vengo”.

A chiudere la rassegna, il saluto e i ringraziamenti della sindaca Daniela Angelini che ha dato appuntamento alla prossima stagione delle “Albe in controluce”.