Indietro
menu
a servizio della Valconca

Un nuovo mezzo per la Protezione Civile di Morciano e Montefiore

In foto: la consegna
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
dom 31 lug 2022 07:06 ~ ultimo agg. 09:06
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Continua l’opera di potenziamento e consolidamento del sistema intercomunale di Protezione Civile che opera nel territorio della Valconca. Sabato mattina, in piazzale del Popolo a Morciano, si è svolta la cerimonia di consegna di un nuovo mezzo per le attività istituzionali del gruppo di Protezione Civile dei Comuni di Montefiore Conca e Morciano di Romagna.

Servizi che, in questi primi sette mesi dell’anno, hanno potuto beneficiare di un impulso significativo, attraverso l’investimento di risorse superiori a 40mila euro. Risorse che da un lato mirano a incrementare e migliorare la dotazione di mezzi e attrezzature a disposizione per le esigenze operative dei gruppi; dall’altro allo sviluppo delle competenze e delle professionalità dei volontari attraverso appositi percorsi di formazione. La consegna del nuovo mezzo si aggiunge all’acquisto, nelle scorse settimane, di un pullman da undici posti che potrà essere utilizzato per il trasporto di persone nel caso di particolari situazioni di emergenza o calamità.

Erano presenti il sindaco di Morciano e presidente dell’Unione Giorgio Ciotti, il vice sindaco di Montefiore Francesco Taini, il coordinatore Roberto Tordi, le volontarie e i volontari della Protezione Civile. La consegna del mezzo rappresenta un nuovo tassello di un più ampio progetto di rafforzamento dei servizi offerti dall’Unione dei Comuni della Valconca, a cominciare dalla Polizia locale e dalla Protezione Civile.

“Un ringraziamento doveroso – dicono il sindaco Ciotti e il vice sindaco Taini – a tutte le volontarie e i volontari che, con il loro impegno quotidiano, la dedizione e un forte senso civico e di responsabilità, contribuiscono a mantenere viva la Protezione Civile della Valconca, risorsa irrinunciabile per il nostro territorio: la pubblica amministrazione non può che continuare ad investire per valorizzare ancora di più il ruolo di chi opera in prima linea a beneficio dell’intera collettività”.