Indietro
sabato 1 ottobre 2022
menu
a mondaino

Nuove giovani leve per il Palio del Daino, in programma dal 18 al 21 agosto

di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
gio 28 lug 2022 12:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sarà un Palio del Daino a cavallo tra passato e futuro, quello che si svolgerà a Mondaino dal 18 al 21 agosto.

Due anni di stop dovuti alla pandemia – spiega il direttore artistico della comunicazione, Pierpaolo Saioni – ci hanno fatto comprendere il valore profondo di questo evento, capace da sempre di richiamare un pubblico di migliaia di visitatori, e dell’imponente lavoro che vi sta dietro. Abbiamo ragionato sulla velocità con cui i tempi cambiano, e sulle nuove sfide che come comitato organizzatore siamo chiamati ad affrontare di volta in volta. Il Palio si è sempre retto sull’impegno e la professionalità di un piccolo, grande esercito di volontari coordinati dalla locale Pro Loco. Volontari che nel tempo hanno accumulato un bagaglio di esperienza e tradizioni che non vogliamo in alcun modo disperdere e dissipare. Per questo motivo tra le finalità dell’edizione del Palio di quest’anno c’è anche di promuovere e favorire un graduale passaggio di testimone a favore dei nostri giovani, che un giorno saranno chiamati a diventare gli eredi di una manifestazione tanto importante per il nostro territorio”.

Negli ultimi mesi un nutrito gruppo di ragazzi e ragazze tra i 14 e i 18 anni ha impiegato il proprio tempo libero, per allestire scenografie interne ed esterne che faranno da cornice all’evento. Un gruppo guidato dal ‘veterano’ Emiliano Roselli, coadiuvato da Giacomo Merli e Michele Ciuffoli. Ci sono poi due nuove formazioni, interamente composte da giovani del territorio della Valconca, che saranno tra le protagoniste assolute della kermesse in programma ad agosto. Il primo è il Gruppo di musici medioevali itineranti Mons Damarum, seguiti da esperti di musica medioevale e coordinati dal maestro Michele Chiaretti: a formarlo una decina di ragazzi della MYO (Mondaino Young Orchestra) che porteranno in scena la tradizione della musica itinerante medioevale attraverso l’utilizzo rigoroso di strumenti d’epoca, quali cornamusa, ghironda, liuto, flauti, ribeca, tamburi e viella. A loro si affiancherà il Gruppo di danze rinascimentali Dulces Damae, diretto da Donatella Nardi.

Altre notizie