Indietro
menu
la vita non vale un like

I rischi delle challenge di fine scuola. I consigli della Polizia Postale

In foto: repertorio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 1 minuto
dom 12 giu 2022 08:46 ~ ultimo agg. 08:48
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
In occasione della fine dell’anno scolastico, in rete si diffondono tra i ragazzi challenge e prove di coraggio con le quali si festeggiano le vacanze.
Dalla Polizia Postale alcuni consigli a genitori e ragazzi, per non lasciarsi travolgere dall’euforia del momento:
Per i genitori:
● Parlate ai ragazzi delle challenge e cercate di capire quale interesse e importanza possano avere per loro. Ricordategli che nessun livello di popolarità online merita di esporsi al rischio di agire illegalmente o di farsi del male.
● Monitorate la navigazione e l’uso delle app social, anche stabilendo un tempo massimo da trascorrere connessi. Mostratevi curiosi verso ciò che tiene i ragazzi incollati agli smartphone.

● Se trovate in rete video riguardanti sfide pericolose, se sui social compaiono inviti a partecipare a challenge, se i vostri figli ricevono da coetanei video riguardanti le sfide segnalateli subito a www.commissariatodips.it

Per i ragazzi:
● Partecipare alle challenge può essere divertente ma è necessario sempre ricordare che la vita non vale un like e che la popolarità guadagnata non può basarsi sul danno arrecato ad altri.
● Rispetta gli altri e te stesso nel partecipare alle challenge e ricorda che è reato diffondere informazioni e immagini private di altri, soprattutto se minorenni.
● Non sottovalutare la pericolosità di usare in modo improprio sostanze e oggetti di uso comune: molte sostanze possono diventare tossiche o addirittura letali se ingerite, inalate o somministrate in grandi quantità.

● Se sai che qualche tuo amico o amica vuole partecipare a sfide pericolose, illegali o dannose per sé o per altri, parlane con un adulto di tua fiducia o fai una segnalazione a www.commissariatodips.it

, oppure manda un sms anche in forma anonima attraverso l’app YOUPOL.

In caso di urgenza non esitare a chiamare il numero unico di emergenza 112 o il 113
Altre notizie
di Stefano Rossini
VIDEO
di Serena Saporito
VIDEO