Indietro
menu
Operaio nei guai

Consegna una busta con 7 etti di hashish ai carabinieri: "Non sapevo ci fosse della droga"

In foto: un controllo dei carabinieri (repertorio)
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 16 giu 2022 18:01 ~ ultimo agg. 17 giu 13:48
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

E’ partito tutto da un normale controllo stradale dei carabinieri. L’alt e poi la richiesta di favorire i documenti. Solo che sia il conducente, un operaio marocchino di 41 anni che vive da sempre a Bellaria Igea Marina, sia il passeggero, un amico, si sono mostrati stranamente nervosi. Quest’ultimo ha consegnato spontaneamente ai militari una bustina con dentro 5 grammi di cocaina. Una quantità modica che gli è valsa la segnalazione in prefettura come assuntore di sostanze stupefacenti e che ha indotto la pattuglia a compiere una perquisizione domiciliare a casa di entrambi.

Nell’appartamento del passeggero non sono state trovate tracce di stupefacenti, mentre a casa del 41enne di droga ce n’era e non poca. Il nordafricano, infatti, messo alle strette, ha consegnato una busta della spesa chiusa ai militari. Quando l’hanno aperta, dentro c’erano alcuni panetti di hashish, 700 grammi per l’esattezza. Non sapevo ci fosse della droga lì dentro – ha raccontato questa mattina al giudice l’operaio, dopo l’arresto per detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio – me l’ha data l’amico che era con me in auto, io la stavo solo custodendo.

Il pm aveva chiesto gli arresti domiciliari, ma il giudice, dopo aver convalidato l’arresto, in attesa del processo ha inflitto al nordafricano (che non ha precedenti) l’obbligo di dimora nel Comune di Bellaria Igea Marina. Il suo difensore, l’avvocato Mirko Damasco, ha chiesto il rito abbreviato condizionato all’analisi dello stupefacente. Ora, con tutta probabilità, l’attenzione dei militari della Stazione di Bellaria si concentrerà sull’amico assuntore.