Indietro
menu
violenza giovanile a riccione

Si rifiuta di prestargli dei soldi e viene colpito con un pugno

In foto: i carabinieri di Riccione durante alcuni controlli la scorsa estate
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mer 25 mag 2022 18:21 ~ ultimo agg. 26 mag 08:50
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Stava rientrando a casa dopo il turno di lavoro quando è stato avvicinato in zona stazione a Riccione da un giovane tunisino, non ancora maggiorenne, che si è staccato dal ‘branco’ per chiedergli dei soldi in prestito. Davanti al rifiuto dell’uomo, un cittadino bengalese, il minorenne gli ha sferrato un pugno in pieno volto che lo ha mandato a terra. Poi ha cercato di portargli via il portafoglio, ma l’uomo ha opposto resistenza e alla fine il ragazzino ha desistito ed è scappato insieme ad altri otto-nove connazionali, tutti con meno di 18 anni.

Lunedì sera, intorno alle 23, un nuovo episodio di violenza giovanile nella Perla Verde, che però non è rimasto impunito grazie all’intervento dei militari del Radiomobile, contatti dal bengalese e messisi subito sulle tracce del ‘branco’. L’autore dell’aggressione è stato rintracciato mentre cercava di nascondersi all’interno della stazione di Riccione. Anche gli altri componenti del gruppo sono stati tutti identificati e condotti in caserma. Dagli accertamenti svolti è emerso che avevano trascorso il weekend a Riccione dopo essere scappati da un centro di accoglienza del Modenese. E’ li che faranno ritorno.

Il presunto autore della tentata rapina è stato denunciato in stato di libertà. La vittima invece ha riportato una prognosi di pochi giorni. Intanto le indagini della Compagnia di Riccione continuano per stabilire se il gruppetto di tunisini sia coinvolto in altri episodi di violenza avvenuti negli ultimi giorni nella Perla Verde.

I controlli – tengono a sottolineare i carabinieri – verranno intensificati grazie anche all’arrivo dei rinforzi. Diciotto quelli inviati a Riccione in attesa dei contingenti estivi. Confermato infine l’avvio dell’utilizzo del taser da parte delle Sezioni Radiomobile del Nucleo Operativo di Riccione (23 maggio), Rimini e Novafeltria (1 giugno).