Indietro
menu
interviene il segretario PD

Ritardi cantiere TRC. Arcangeli su Tosi: "patetica manovra di distrazione"

In foto: il segretario del PD Arcangeli
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 17 mag 2022 16:28
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Sulla citazione da parte della Corte dei Conti per più di 900 mila euro di danni per i ritardi del cantiere del TRC a carico del Sindaco di Riccione Renata Tosi (vedi notizia), interviene il Segretario del Partito Democratico di Riccione Alberto Arcangeli:

Renata Tosi nella parte della martire fa più o meno lo stesso effetto di un lupo che si mette sulle spalle una pelle di pecora per entrare nel recinto del gregge. Un effetto comunque divertente, che sarebbe perfino esilarante se di mezzo non ci fosse Riccione. Il provvedimento della Corte dei Conti, che invita la sindaca a versare di tasca propria 900 mila euro per danni all’erario e dunque alla collettività durante la realizzazione del Metromare, è la perfetta cartina di tornasole di una stagione amministrativa lunga 8 anni e da lasciarsi al più presto alle spalle. Ferma, immobile, isolata da tutto e da tutti, con leggi sostituite da comportamenti al limite e, in questo caso, oltre i limiti dell’amministrativamente e politicamente consentito. Una gestione del potere del tutto autoreferenziale e chiusa, solo preoccupata dal punire i presunti nemici, senza alcuna visione, priva di qualunque prospettiva per il presente e il futuro di Riccione. Ora i nodi vengono al pettine e il tentativo di buttarla in caciara accusando giustizia e giudici appare per quello che è: una patetica manovra di distrazione. L’aspetto positivo di tutto questo non è tanto l’insegnamento del fatto in sé ma che comunque, nonostante questo governo inefficiente e astioso, la comunità di Riccione sia comunque andata avanti in anni difficilissimi. Adesso è venuto il momento di voltare pagina: questo reclama Riccione. E i lupi, per favore, stiano fuori dal cancello