Indietro
menu
Interrogazione di Gloria Lisi

Più garanzie per il servizio: i bagnini di salvataggio in Consiglio Comunale

In foto: i salvataggio davanti alla sede del Consiglio
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
ven 27 mag 2022 12:41 ~ ultimo agg. 14:43
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è parlato del servizio di salvataggio nella seduta di giovedì in Consiglio Comunale a Rimini. Alla presenza tra il pubblico di diversi marinai, Gloria Lisi ha presentato un’interrogazione per ribadire la necessità di ampliare la durata del servizio: nei giorni scorsi c’è stato un annegamento in provincia, a Bellaria, con il servizio non ancora attivo, partirà solo nel fine settimana. “L’attuale formula, dall’ultimo fine settimana di Maggio al secondo fine settimana di Settembre è, a nostro avviso, decisamente insufficiente”, ha detto la Lisi riferendosi all’ordinanza regionale.

La Lisi ha citato alcuni numeri dal report dei Marinai di Salvataggio: lo scorso anno sono state soccorse 193 persone in 144 interventi da parte dei Marinai; il 22% dei soccorsi è stato svolto fuori dall’acqua contro il 10% dello scorso anno, nell’Estate 2021 c’è stata una leggera ripresa del turismo della terza età dopo essersi azzerato nel 2020 e questo per i soccorritori si traduce in un numero maggiore di interventi.

Per poi sostenere la richiesta dei Marinai di Salvataggio di “un’attenta riflessione ed una presa coscienza da parte delle amministrazioni comunali e regionali così come delle cooperative di gestione private che, nonostante gli svariati tentativi di dialogo e concertazione sulla scelta di attivare il servizio pubblico essenziale di salvataggio in mare, continuano a mettere a repentaglio l’incolumità dei bagnanti ostinandosi, con logiche di risparmio, a mantenere la “legge“ dell’elioterapia. Il mare in questi giorni è affollato di persone accorse a godere del meteo già estivo ed è assolutamente grave, a maggior ragione nella provincia di Rimini dove da sempre l’eccellenza del turismo viene perseguita e pubblicizzata, non avere il Servizio di Salvataggio attivo già da metà Maggio, come peraltro avviene in altre spiagge italiane limitrofe”.

L’assessore al Demanio Roberta Frisoni ha spiegato come la stessa amministrazione al tavolo regionale sull’ordinanza balneare ha chiesto di ampliare il servizio e di averlo prolungato di propria iniziativa anche nei fine settimana di ottobre. E più in generale, con la Bolkenstein c’è un’occasione unica per “rimettere in discussione tutto il sistema”. Il servizio di salvamento “dovrà essere un valore aggiunto. Chiediamo che nelle condizioni della gare sia messo nero su bianco il miglioramento del servizio di salvamento”.

La Lisi ha anche espresso preoccupazione sulle tempistiche di intervento nel tratto del Parco del Mare a marina centro dove i cantieri sono ancora aperti: l’assessore Morolli ha spiegato che nei fine settimana è prevista l’apertura di varchi di accesso. L’accesso delle ambulanze è comunque sempre possibile anche coi cantieri aperti, ha precisato l’assessore Frisoni: “L’ambulanza può andare ovunque anche sul legno”.

Gloria Lisi ha trasformato in mozione l’interrogazione.