Indietro
menu
una 'Riccione sempre di più'

Il programma di Caldari. Continuità tra amministrazioni, trasformazioni richiedono tempi ampi

In foto: Caldari e le liste a sostegno
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 21 mag 2022 15:33
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Stefano Caldari, assessore al Turismo del comune di Riccione e candidato sindaco civico del centro destra alle prossime amministrative, questa mattina in un evento pubblico ha presentato programma elettorale per la città di Riccione.

“Conosciamo la città grazie al fatto che i riccionesi ci hanno regalato l’opportunità di stare al governo per questi ultimi cinque anni abbiamo camminato con voi riccionesi, abbiamo lavorato con voi riccionesi e abbiamo insieme creato tante occasioni ora la nostra conoscenza sia della città che della macchina amministrativa e tale per cui possiamo solo che fare di più e quindi possiamo rigenerare in maniera sempre più Green sostenibile il nostro centro distretto Ceccarini e porto possiamo dare una veste nuova al viale Dante che sicuramente lo merita possiamo andare a promuovere nelle stanze giuste e con le relazioni che abbiamo già intrapreso ancora di più la nostra città e possiamo lavorare nei quartieri con quella vostra collaborazione e con quella vostra disponibilità che ci permetterà di essere e di creare luogo sempre più adatto e vivibile da parte dei nostri bambini delle nostre famiglie e dei nostri cari nonni”.

Un programma con tante proposte e iniziative in continuità con l’amministrazione precedente, “Perché – come ha sottolineato lo stesso Caldari – le trasformazioni vere e durature richiedono tempo e orizzonti ampi”.

Caldari ha poi presentato i quattro punti fondamentali del programma, così sintetizzati.

“Sempre più bellezza”. Generare bellezza partendo dalla riqualificazione funzionale e ambientale di tutti i quartieri perché crediamo in una nuova visione per Riccione che sappia coniugare qualità della vita, sostenibilità e turismo, a cominciare da via Dante, dal distretto Ceccarini e dal Porto. I quartieri saranno sempre al centro della nostra attenzione perché l’obiettivo di lungo periodo è costruire la Città Arcipelago, dove in ogni quartiere saranno presenti i servizi per le nostre famiglie, i nostri ragazzi, i nostri nonni. Il Progetto “In.con.tra” nell’area ex macello è molto importante perché la bellezza si genera solo quando la città è inclusiva e quindi appartiene a tutti e da opportunità a tutti”.

“Sempre più sicurezza”: Generare sicurezza con la nuova Caserma dei Carabinieri, i presidi sanitari e di polizia locale nei quartieri e l’incremento della presenza delle forze dell’ordine, perché tutta la città deve essere vissuta in serenità.

“Sempre più economia”. Generare economia sostenendo le attività produttive del nostro territorio, la promozione delle ricchezze locali e la creazione di nuova occupazione, senza lasciare indietro nessuno. Vogliamo un lavoro buono per tutti e camminare insieme per una Riccione che sta scalando i vertici delle migliori città turistiche in Italia. Dove c’è indotto economico c’è anche benessere per tutta la comunità che cresce. Vogliamo continuare la politica del non mettere le mani nelle tasche dei nostri cittadini e dei nostri operatori. Siamo l’unico comune in cui non si paga l’addizionale Irpef.

“Sempre più accoglienza”. Generare accoglienza per una Riccione turistica e solidale 365 giorni l’anno. Oltre a sostenere i settori tradizionali del balneare, congressuale e sportivo, nuovi incentivi alla cultura, ai grandi eventi, all’enogastronomico, all’ambiente e al termale. Quindi senza dubbio massimo impegno per il progetto del riconoscimento UNESCO che ci consentirà di affermare la peculiarità dei nostri Sorrisi, grande arma di accoglienza e benvenuto, ma anche per il settore congressuale che in questi anni è cresciuto grazie a una gestione manageriale orientata all’aspetto economico più che assistenzialista del Palazzo Congressi. E poi naturalmente attenzione allo Sport che grazie alla relazione con tutte le federazioni, tra le quali da segnalare il nuovo e ottimo rapporto con la Federazione Danza Sportiva, ha una prospettiva di crescita per almeno 1 milione di turisti in più e vedrà la creazione anche di nuove strutture come lo Skate Park e la Reggiana con il Centro Federale della Vela. Supporto anche per il settore termale che potrà regalare ricadute occupazionali e turistiche tutto l’anno e per tutta l’intera città. Basti pensare ai 5000 mq di zona benessere aperta a tutti gli operatori turistici della città che avranno in questo modo l’opportunità di vendere il prodotto Riccione tutto l’anno. “Sogno una città operosa e gioiosa, dove crescere i nostri figli in modo sano” ha concluso Caldari.