Indietro
mercoledì 18 maggio 2022
menu
Baseball Serie A

Il Major League André Rienzo al San Marino Baseball

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
mar 10 mag 2022 12:00 ~ ultimo agg. 12:02
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

I Campioni d’Italia rinforzano il monte di lancio in vista della seconda fase di campionato e della Coppa Campioni con un lanciatore di assoluta qualità. Si tratta di André Rienzo, pitcher destro brasiliano con una carriera di valore e prestigio, divisa tra Major League (White Sox e Marlins) e triplo A.

Nato a San Paolo il 5 luglio del 1988, Rienzo si è appassionato al batti e corri grazie alla madre, ex lanciatrice di softball. La firma coi Chicago White Sox arriva qualche mese dopo il complimento dei 18 anni, nel 2006. I primi anni di carriera li passa tra Summer League dominicana, Rookie League con Bristol e singolo A e A avanzato con i Kannapolis Intimidators e Winston-Salem. Il vero salto arriva nel 2012, sempre nell’organizzazione dei White Sox. Rienzo viaggia tra singolo A avanzato (sempre Winston-Salem), doppio A con i Birmingham Barons e triplo A con i Charlotte Knights.

Anche nel 2013 comincia con i Knights, con la franchigia che ha sempre maggior considerazione di lui, come dimostra la chiamata in Major League per sostituire un certo Jake Peavy. Serviva un partente e Rienzo si fa trovare pronto. Senza paura. Sette inning contro gli Indians in cui subisce tre punti ed elimina al piatto sei avversari. Il viaggio in Major League inizia e poco dopo arriva anche la prima vittoria, un 5-2 sui Royals. 10 partenze in 10 partite di MLB coi White Sox nel 2013 e 11 partenze in 18 partite nel 2014.

Poi passa ai Marlins dove resta due anni. Per lui compito diviso tra Triplo A giocato a un livello eccellente e diverse partite ancora in MLB. Di lì in avanti Rienzo gioca tra triplo A americano e messicano fino agli ultimi due anni in Independent League messicana con i Tecolotes de los Dos Laredos e i Gigantes del Cibao. Ora l’avventura europea.