Indietro
menu
Candidati "sotto tutela"

Elezioni. Sacchetti (Pd) lancia la volata a Riccione e Coriano

In foto: Filippo Sacchetti
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 14 mag 2022 19:20
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A Morciano e Sant’Agata Feltria sarà corsa contro il quorum per Giorgio Ciotti, sindaco uscente, e Goffredo Polidori. Sarà invece battaglia nei comuni di Riccione e Coriano. Lo si intuisce dalle parole del segretario provinciale del Partito Democratico Filippo Sacchetti nel giorno in cui sono scaduti i termini per la presentazione delle liste per le amministrative del 12 giugno.

A Riccione e Coriano – attacca Sacchetti – la sfida è chiara, togliere due Comuni da 10 anni guidati da due sindaci espressione della destra populista, anti europea e che ha immobilizzato due fra le principali realtà del territorio”. “I giochini – prosegue – sono finiti e la maschera è caduta: il pieno sostegno della Lega e di Fratelli d’Italia a Caldari toglie ogni velleità di narrazione civica al figlioccio di Renata Tosi. Ma d’altra parte già da settimane il goffo imperversare di Elena Raffaelli su ogni argomento non lasciava dubbi sul reale posizionamento della squadra dell’ex assessore allo sport che, insieme all’amministrazione uscente, ha cercato di affossare e ha portato sull’orlo del baratro quella Polisportiva che coordina l’attività di migliaia di giovani riccionesi. A Coriano, invece, l’incapacità di individuare un candidato sindaco è stata mascherata dall’illusoria speranza di poter ambire a uno Spinelli Ter e solo quando la “Meloni” della Valconca ha dovuto arrendersi all’evidenza delle norme si è optato per il suo vice Gianluca Ugolini: professionista che lavora in uno dei principali studi tecnici del territorio con buona pace dei possibili conflitti d’interesse in cui storicamente il centro destra ha sguazzato”.

Finalmente è tutto chiaro – continua Sacchetti – e lo sarà anche per i cittadini: da un lato c’è un centro sinistra allargato dalla forte componente civica che sta fra i cittadini e lavora per le persone, l’Italia e l’Europa. Dall’altra due liste di centro destra espressione del “salvinismo” e del “melonismo” più marcato, con candidati messi quasi sotto tutela dalle ex prime cittadine Renata Tosi e Domenica Spinelli che in questi 10 anni hanno quasi azzerato l’appeal di Riccione e paralizzato ogni possibile sviluppo di Coriano. Il centro sinistra con Cristian Paolucci e Daniela Angelini presenta invece una vera alternativa per restituire alle due città il buongoverno che meritano” chiosa il segretario Pd.

Sulla situazione di Morciano e Sant’Agata, Sacchetti evidenzia invece “la crescente difficoltà di persone disposte a mettersi in gioco al di fuori dello schieramento di centro sinistra nei piccoli Comuni. Nel 2019 a Talamello e Casteldelci l’unica corsa fu quella per il quorum e lo stesso accade ora a Morciano con Giorgio Ciotti a Morciano e a Sant’Agata con Goffredo Polidori, già parte della squadra del compianto Mino Cerbara con cui vincemmo tre anni fa. In queste realtà, in cui con grande responsabilità ci siamo messi al tavolo un po’ sulla scorta di quanto accaduto con il governo nazionale, la sfida sarà portare al voto il 50,1% dei cittadini e poi tornare a far appassionare la gente e soprattutto i giovani alla politica attiva. A mettersi al servizio della propria comunità” conclude il segretario.