Indietro
menu
si allunga a monte

A Bellaria-Igea M. parte il dragaggio del porto

In foto: il porto canale di Bellaria
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
lun 16 mag 2022 11:08
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Al via i lavori di dragaggio del porto canale di Bellaria Igea Marina che dovrebbero concludersi entro la fine del mese di maggio. Spiega l’Assessore all’Ambiente Adele Ceccarelli: “Nonostante ricadessero in questo 2022 analisi cicliche che comportano un surplus di attesa e di pratiche a livello di burocrazia, a cui si è aggiunta una dilatazione dei tempi imputabile al laboratorio incaricato allo scopo,  l’intervento sarà avviato e concluso entro il mese di maggio. Questo premesso, vorrei sottolineare come per la prima volta”, aggiunge, “si sia tenuta a livello regionale una conferenza dei servizi dedicata al dragaggio: una solerzia e un’attenzione sul tema della pulizia dei fanghi del porto per le quali ringraziamo la Regione.”
Un’altra buona notizia per chi vive il porto canale “è rappresentata dall’estensione del dragaggio anche a un tratto della porzione a monte della ferrovia, sino all’altezza dello squero, oltre ovviamente alla parte a mare della stessa. Inoltre, è importante rilevare”, aggiunge l’Assessore, “i riscontri più che positivi offerti dalle analisi dei fanghi propedeutiche all’inizio lavori: materiale prezioso che infatti sarà utilizzato in futuro per il ripascimento. Tutti gli enti coinvolti e preposti hanno espresso pareri favorevoli senza particolari osservazioni, se non quella di salvaguardare proprio le sabbie utili ai fini del ripascimento del litorale.”
L’intervento al via sul porto costerà circa 160.000 euro, compresi i costi per l’analisi dei fanghi, ricordando come il dragaggio di quest’anno sia il primo sotteso all’importante accordo quadro perfezionato dall’Amministrazione tra fine 2021 e inizio 2022. Un accordo che lega il Comune di Bellaria Igea Marina alla ditta La Dragaggi S.r.l. per i prossimi quattro anni, nell’esecuzione delle opere di dragaggio del porto e dell’asta fluviale: “consentendo sino al 2025 di non esperire ulteriori gare, tagliando la burocrazia, facendo risparmiare tempi di attesa e lavoro a carico degli uffici. Un’attenzione verso la zona a cui l’Amministrazione sta dando continuità con l’attesa riqualificazione di via Rubicone – sponda Bellaria del porto – con annessa sistemazione delle banchine di carico e scarico, un nuovo sfalcio dell’erba ad opera di Anthea e il restyling della cancellata della Madonnina in largo Montello, luogo simbolico e caro a tutta la comunità che vive il porto, soprattutto in questo mese di maggio”.