Indietro
menu
Il commento di Parma e Gianfreda

Senologia al Franchini: la Regione approva passaggio a unità complessa

In foto: il Franchini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 7 apr 2022 11:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email
La Regione Emilia-Romagna ha approvato il documento che prevede il mantenimento della Chirurgia Senologica dell’Ospedale Franchini del Comune di Santarcangelo, con il passaggio da unità semplice a unità operativa complessa. Dagli amministratori locali, un ringraziamento alle associazioni Punto Rosa e Crisalide.

Dichiarazione congiunta della Sindaca di Santarcangelo e Vice presidente della Conferenza Territoriale Socio Sanitaria della Romagna Alice Parma e dell’Assessore alle Politiche per la Salute del Comune di Rimini e Presidente del Distretto Socio-saniario di Rimini Nord Kristian Gianfreda:
Un risultato molto importante, che risponde a una richiesta corale e sinergica avanzata dalle istituzioni e dalla nostra comunità in un’ottica di valorizzazione e di rafforzamento di un reparto che costituisce un fiore all’occhiello dell’offerta sanitaria del territorio e un punto di riferimento fondamentale per tante famiglie. Un traguardo che è stato possibile raggiungere grazie alla determinazione e al contributo delle associazioni Punto Rosa e Crisalide che, con la loro attività quotidianità offrono un supporto indispensabile e insostituibile per le donne con tumore al seno, e, allo stesso tempo, uno stimolo per noi amministratori a fare sempre meglio e di più per potenziare e ottimizzare un reparto riconosciuto a livello nazionale come eccellenza.
Con questo via libera da parte della Regione si pongono le basi per un nuovo capitolo della Senologia di Santarcangelo, che apre le porte a un maggiore irrobustimento della struttura e che dà garanzie sul suo futuro.
L’emergere della pandemia, nella sua drammaticità, ha messo in evidenza l’importanza di avere una sanità di qualità e rispondente agli specifici bisogni dei cittadini: un patrimonio essenziale e strategico su cui investire con sempre maggiore convinzione, consapevoli che è dalla salute che passa la tenuta e il benessere di una collettività.