Indietro
menu
Si parte da accessibilità

Cattolica, spiagge libere inclusive: i primi interventi dell’amministrazione

In foto: l'incontro con le associazioni
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 2 minuti
sab 23 apr 2022 18:38
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 2 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Primi interventi dell’Amministrazione comunale di Cattolica in tema di accessibilità alle spiagge libere. Le scelte arrivano dal confronto con realtà del territorio impegnate sui temi della diversabilità e del sociale o che comunque operano nell’ambito del mare.

Dopo gli incontri con il terzo settore – spiega l’assessora al demanio marittimo, Claudia Gabelliniabbiamo stabilito le priorità su cui intervenire. Innanzitutto garantire l’accesso al mare a chi ha disabilità o difficoltà di movimento anche temporanee. Questo grazie alla dotazione di passerelle in plastica riciclata ed avvolgibile. Quattrocento metri di pedane che verranno posizionate nelle tre spiagge libere (zona Porto, Piazza I° Maggio e Ventena) ed in quella in concessione al Comune (zona Le Navi)”. Previsti, inoltre, una serie di interventi infrastrutturali ai servizi esistenti nella zona del Porto. “In quell’area – continua la Gabellini – abbiamo previsto l’adeguamento delle rampe d’accesso ai bagni pubblici e la predisposizione di docce accessibili. Si effettuerà anche un potenziamento dell’illuminazione pubblica per scoraggiare eventuali atti di vandalismo”.

A bilancio ci sono 100mila euro già stanziati per la realizzazione di questi interventi e “con i quali cerchiamo di ottenere il massimo rendimento – continua l’assessora – entro l’avvio della stagione, badando ad evitare la logica del risparmio per preferire lavori che, anche se inferiori nel numero, siano ben pensati e duraturi nel tempo”. Si tratta di un primo step tra le esigenze individuate dai tavoli di confronto e che mirano a successivi interventi per una fruizione avanzata dell’arenile, per approdare nel tempo a garantire la massima accessibilità ed eliminare progressivamente gli ostacoli delle barriere architettoniche, fisiche e sensoriali.

L’amministrazione – conclude la Gabellini – tornerà nuovamente a sedersi attorno ad un tavolo per condividere le scelte con chi affronta quotidianamente il tema della diversabilità. L’eliminazione delle barriere architettoniche rappresenta una delle nostre priorità ed il tema delle spiagge accessibili ed inclusive è soltanto un primo passo per una progettualità di medio periodo che interesserà anche strade, marciapiedi ed edifici pubblici. Anche il nuovo piano dell’arenile, che si sta predisponendo e che in tema di accessibilità ha coinvolto le stesse associazioni, terrà conto dei bisogni di tutti gli utenti della spiaggia e si avrà grande attenzione al tema, affinché tutte le spiagge siano sempre più accessibili ed inclusive”.