Indietro
menu
sull'esempio di Bologna

Anche al campus di Rimini la "student card". La proposta del PD

In foto: Emanuele Bianchi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 25 apr 2022 09:38 ~ ultimo agg. 12:39
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Aumentare le convenzioni per studenti universitari con le attività economiche ed incrementare l’accessibilità verso il polo universitario“. La proposta arriva da Emanuele Bianchi, Responsabile Scuola e Università nella Segreteria PD di Rimini.

Non si può tralasciare l’aspetto della vivibilità, sia dei cittadini ma anche di tutti quegli studenti che ogni anno scelgono di intraprendere un percorso formativo ed universitario a Rimini. Per questo motivo occorre puntare nel rendere l’Università di Rimini una realtà più viva, sull’esempio di Ravenna, Bologna e altri campus universitari introducendo il sistema della “Student-Card” universitaria, con cui poter accedere a una serie di servizi universitari e beneficiare delle convenzioni che l’Università stipula con le realtà commerciali e culturali del territorio.  Le convenzioni possono spaziare dai generi alimentari, all’abbigliamento, dalle attività culturali (quali musei, spettacoli teatrali, culturali e musicali) alle librerie, fino agli stabilimenti balneari; ma anche ristoranti e parrucchieri, monopattini in sharing”.

Si tratta di una proposta -spiega Bianchi – che ha suscitato l’interesse e l’approvazione, tramite passaggi condivisi, della direttrice di campus e di Uni Rimini; e che vedrebbe la propria realizzazione attraverso un’attenta sinergia tra Polo Universitario, Uni Rimini e l’Amministrazione comunale