Indietro
menu
Ok dalla Regione

All'ospedale Ceccarini l'Unità Complessa di Cardiologia. Bando per il primario

In foto: l'ospedale Ceccarini
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
lun 11 apr 2022 11:13 ~ ultimo agg. 15:53
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

L’Ospedale “Ceccarini” di Riccione avrà l’Unità Complessa di Cardiologia. La Regione ha infatti accolto la richiesta del direttore generale dell’Ausl Romagna, Tiziano Carradori, e ha autorizzato l’espletamento delle operazioni concorsuali per riportare l’Unità nella Perla Verde e per il bando per il primariato.

Nel 2021 al “Ceccarini” sono stati coperti tutti i posti da primario ancora vacanti – ha ricordato il sindaco di Riccione, Renata Tosi -, Rianimazione, Chirurgia Generale, Radiologia, Pronto Soccorso e Medicina d’Urgenza oltre che per Chirurgia Ortopedica (per l’Ospedale di Cattolica). Un paio di settimane fa la Regione ha quindi dato l’ok anche per Cardiologia completando un percorso importante fortemente voluto dalla nostra Amministrazione, promessa e realizzata dalla Direzione Generale dell’Ausl Romagna, Tiziano Carradori, che vorrei ringraziare per l’attenzione avuta nei confronti della nostra comunità e del nostro ospedale Ceccarini. Vorrei anche ricordare che nel rispetto dell’ordine del giorno, votato da tutto il Consiglio comunale, abbiamo intrapreso ogni azione per promuovere i processi di riorganizzazione della nostra sanità. L’abbiamo fatto e continueremo a farlo. La vicinanza dell’amministrazione alla nostra sanità e al nostro Ospedale è stata anche dimostrata dalla grande partecipazione della comunità dei riccionesi alla manifestazione “Io Amo il Mio Ospedale”, in una serata-evento a cui hanno preso parte sia l’assessore regionale alle politiche per la Salute Raffaele Donini, e il direttore generale di Ausl Romagna, Tiziano Carradori. L’Ospedale Ceccarini, inaugurato nel 1893, voluto e donato alla città di Riccione dalla benefattrice Maria Boorman Ceccarini, da cui prese il nome, fa parte della nostra storia e del nostro patrimonio comune, e come tale va sempre tutelato e garantito“.