Indietro
menu
a Montescudo

Va a fuoco capanno degli attrezzi al confine con San Marino. 47enne muore carbonizzato

In foto: il luogo della tragedia (foto Migliorini)
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
mar 22 mar 2022 12:53 ~ ultimo agg. 23 mar 11:08
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Una tragedia quella che si è consumata questa mattina, poco dopo le 10 nel comune di Montescudo-Montecolombo, al numero 36 della Sp131, ma a poche decine di metri dal confine con San Marino. Per cause ancora da accertare  un capanno in pietra per attrezzi ha preso fuoco. Al suo interno, in quel momento, c’era il proprietario che purtroppo è morto carbonizzato.

L’allarme è scattato attorno alle 10.20, ma quando i vigili del fuoco sono arrivati sul posto per l’uomo, un 47enne del luogo, C.S. le iniziali, non c’era più nulla da fare. Le fiamme hanno avvolto completamente la rimessa, addossata alla casa dove la vittima viveva. Il fuoco ha raggiunto il tetto che è crollato all’interno. Nel piccolo stabile c’era una piccola macchina agricola, del legname, ma anche delle bombole di gas.

Il 47enne viveva da solo nella casetta a due piani. Lavorava a pochi decine di metri, in una fabbrica di ceramica già in territorio sammarinese, che si trova subito dopo il ponticello di confine. Non si sa come mai questa mattina so trovasse all’interno del capanno e perché non sia riuscito, una volta scoppiato l’incendio, a mettersi in salvo.

Sul posto i vigili del fuoco che ci hanno messo diverse ore per domare le fiamme, i carabinieri della Compagnia di Riccione, che si occupano delle indagini, ma anche i gendarmi sammarinesi vista la vicinanza al confine.