Indietro
domenica 29 maggio 2022
menu
Scuderia San Marino

Rally Valle del Tevere: Costa-Mularoni al 2° posto nel Camp. Italiano Rally Storico

di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
mer 2 mar 2022 14:11
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Si è concluso con degli ottimi risultati il primo weekend di corse per la Scuderia San Marino. Nella prova tutta toscana di Valle del Tevere i migliori piazzamenti arrivano grazie alle auto storiche, il duo Costa-Mularoni si posiziona sul secondo posto del podio, dietro agli italiani Tonelli e Debbi. Al traguardano arriva sesto Simone Gasperoni con la sua Citroen AX Sport, navigato da Elia Albani mentre Germano Bollini chiude in ottava posizione su Ford Escort.

A margine del secondo posto ottenuto nel campionato storico abbiamo sentito Corrado Costa, che afferma: “Non mi aspettavo sinceramente questo podio, ma il Campionato è iniziato al meglio. Non me lo aspettavo perché gareggiavano insieme a me piloti molto esperti e abili, ma abbiamo avuto qualche fortuna anche noi tra i vari ritiri degli altri equipaggi e alcune ottime prestazioni nelle prove. Vorrei ringraziare come sempre il Team Clacson che mi fornisce una buona vettura, capace di condurmi sempre al traguardo.”

Arrivano buone notizie anche dalle varie classi di auto moderne: vittoria in classe R3 per Davide Gasperoni, primo posto arrivato insieme al navigatore e Presidente della Scuderia San Marino, Roberto Selva. Primo posto anche nella classe N2: gioiscono Maicol Lanci assieme a Fabio De Luca su Citroen Saxo. Si consolida con un prezioso settimo posto in classe R5 e settimo della classifica generale la coppia formata dal sammarinese Jader Vagnini ed Elisabetta Franchina su Skoda Fabia. Chiudono invece in 52a posizione in classifica assoluta il duo composto da Macina e Manzaroli.

Da segnalare anche alcuni ritiri che hanno coinvolto i piloti sammarinesi: tra questi il duo Raschi-Biordi e Pellegrini-Grossi, sfortunato anche il navigatore Baldazzi costretto a terminare la gara prima del tempo; mentre non hanno potuto essere al via gli equipaggi formati da Leo Mularoni e Livio Ceci e Bruno Pelliccioni e Mirco Gabrielli.

“È stata una gara difficile, soprattutto per le condizioni meteo già a partire dalla ricognizione nella prova Cerbaiolo, il cui ultimo tratto era innevato – commenta così in apertura Vagnini –. Mi sto ancora adattando alla nuova macchina; quindi, rispetto ai miei avversari c’è un gap da colmare. Quest’anno siamo arrivati a questo appuntamento con la voglia di far bene, devo ringraziare la Scuderia San Marino e il meccanico Andrea della scuderia ProLine Sport di San Marino insieme a tutti i ragazzi del team, che mi hanno fornito tutta l’assistenza necessaria. Sto interagendo bene anche con Elisabetta Franchina, è una ragazza giovane, professionale e che ha tanta voglia di imparare. Nel complesso sono contento del settimo posto e dei tempi che abbiamo ottenuto, nella prova Cerbaiolo ho pagato qualcosa negli ultimi giri guidando con delle gomme usate. Valutiamo in questi giorni se fare le prime gare del Campionato Italiano Terra in Val d’Orcia, sempre con la Skoda. Per me sarà una sfida stimolante e una bella occasione ritornare a fare questa competizione dopo anni passati nel campionato Raceday.”

Ma nel fine settimana c’è stato spazio anche per i kart, dove è stato impegnato il tesserato Giacomo Marchioro. Il pilota sammarinese ha gareggiato nella pista Azzurra di Jesolo (VE) nella gara valevole per il campionato RMC Austria, partendo dalla pole position e ottenendo un buon terzo posto. Queste le sue dichiarazioni nel post-gara: “Fin da venerdì eravamo la davanti e ci siamo confermati sabato pomeriggio facendo la pole position, nonostante non avessi fatto un giro perfetto. Domenica nel corso delle gare siamo andati molto in difficoltà con il telaio – nonostante gli svariati tentativi del meccanico Luca, del coach Giorgio e di mio babbo, ai quali devo un grande
grazie, che ce l’hanno messa tutta per risolvere i problemi – non siamo riusciti a uscirne del tutto, ma sfruttando anche le sfortune altrui sono riuscito a chiudere terzo assoluto in mezzo a dei piloti di livello mondiale. Questo weekend c’è subito un’altra gara, sempre a Jesolo, dove punto a fare meglio.”