Indietro
menu
la sentenza

Il The Barge "utilizzato quando non era a norma", assolta la titolare

In foto: il The Barge sul lungomare Tintori
di Lamberto Abbati   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 17 mar 2022 16:47 ~ ultimo agg. 18 mar 13:39
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Assolta perché il fatto non sussiste. Sono cadute nel nulla le accuse nei confronti di Elena Pappano, 45enne imprenditrice riminese, figlia della storica famiglia di ristoratori e legale rappresentante della società titolare del pub-ristorante “The Barge”, sul lungomare Tintori di Rimini.

L’accusa le contestava di “aver utilizzato l’immobile, situato su un’area divenuta di proprietà del Comune di Rimini, prima del rilascio del certificato di collaudo statico in seguito ad opere di ristrutturazione abusivamente realizzate nell’immobile destinato a civile abitazione”.

Questa mattina, nel corso dell’udienza davanti al tribunale monocratico, sono stati ascoltati i testi dell’accusa: un ufficiale di polizia giudiziaria e l’ingegnere del Comune di Rimini, Maurizio Baietta. Il difensore dell’imprenditrice, l’avvocato Alessandro Catrani, ha sollevato l’insussistenza manifesta del presupposto del reato contestato, risultando non dedotto se l’imputata avesse consentito un’effettiva attività o se il “The Barge” fosse già inattivo da tempo. Da qui la decisione del giudice Chiara Quadrelli di accogliere la tesi difensiva e assolvere l’imprenditrice.

“La signora Pappano – ha commentato l’avvocato Catraniera completamente estranea al reato, non avendo consentito alcuna attività commerciale in assenza del collaudo previsto per legge”.