Indietro
sabato 28 maggio 2022
menu
Calcio Femminile B

Doppia Barbieri e Cecchini confezionano il successo di Roma, l'Academy ora è terza

In foto: (©PhotoAgency)
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 4 minuti
mer 9 mar 2022 22:08
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 4 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

Serie B Femminile, 2021-22 | 16. Giornata (recupero), Roma CF – San Marino Academy 1-3

IL TABELLINO
ROMA CF [4-3-1-2]: Casaroli; Viandrisa, Silvi, Di Fazio, Orlando; Del Rosso (dall’84’ Manno), Salm, Bevilacqua (dal 74’ Borg); Coda, Lazdauskaite, Grossi. A disposizione: Boldrini, Novelli, Farnesi, Peri, Draicchio, Conti, Brandizzi. Allenatore: Roberto Cafaro.

SAN MARINO ACADEMY [4-2-3-1]: A. Piazza; Marrone, Montalti, Venturini, M. Piazza; Fusar Poli, Brambilla; Baldini (dal 68’ Kuenrath), Bertolotti (dal 53’ Menin), Massa (dal 79’ Cecchini), Barbieri. A disposizione: Montanari, Nozzi, Micciarelli, Pirini, Cardona, Kiamou. Allenatore: Alain Conte.

Arbitro: Paul Leonard Mihalache di Terni.
Assistenti: Matteo Lauri di Gubbio, Emilio Giulio Leonardi di Ostia Lido.

Reti: 7’ e 55’ Barbieri, 27’ Coda, 88’ Cecchini.

Ammonite: Fusar Poli, Orlando.

CRONACA E COMMENTO
Il gol numero 10 e 11 in campionato Di Raffaella Barbieri ed il primo centro di Eleonora Cecchini con la Prima Squadra valgono il secondo successo esterno consecutivo delle Titane e la salita in terza posizione. Scavalcate in un solo balzo Chievo, Bari e Cortefranca, grazie ad una vittoria un po’ più complicata di quel che il risultato non racconti. La Roma CF è avversario affamato di punti salvezza, come dimostrato del resto anche tre giorni fa, quando proprio al centro “Certosa” aveva saputo fermare il Ravenna sul 3-3. L’Academy parte con buon piglio: un angolo stretto di Fusar Poli e una fuga di Massa, entrambi conclusi sull’esterno della rete, sono però tutto quanto le Titane, attente anche alla gestione delle forze, riescono a proporre nelle primissime battute. Come a Como, però, la parte iniziale della frazione di gioco porta frutti: sono passati poco più di 6’ minuti quando Fusar Poli individua la traccia profonda per mettere Barbieri davanti a Casaroli, scavalcata con un elegante scavetto di esterno destro. L’Academy prova a sfruttare l’onda tornando a farsi pericolosa con la stessa Barbieri, che si avventa sul pallone rimasto in area dopo lo stacco di Venturini ma, nonostante l’ampio specchio a disposizione, stavolta stringe troppo il destro. La Roma si affaccia nell’area di Piazza con il cross teso di Del Rosso, che sfrutta l’ampia libertà concessale sulla corsia destra per tentare di servire centralmente Lazdauskaite, mancando l’obiettivo di poco. La riposta delle ospiti è nella punizione battuta a sorpresa per Martina Piazza, che ha tanto spazio per mettere un traversone preciso per la testa di Baldini, il cui stacco non porta in dote il raddoppio. Stessa sorte per la punizione che Fusar Poli trasforma in assist per la stessa Piazza, brava a sganciarsi dalla marcatura ma leggermente imprecisa nella “spizzicata” verso la porta. La Roma non solo resta in gara ma alza l’intensità del suo gioco, trovando soddisfazione al minuto 27’: il gol arriva sugli sviluppi di una punizione sulla quale la difesa titana non riesce a liberare; Lazdauskaite alimenta l’offensiva servendo a centro area Coda, che riesce a girarsi e ad indirizzare la conclusione là dove Alessia Piazza non può intervenire. Il gol mette le ali alle padrone di casa, di nuovo pericolose sugli sviluppi di un piazzato. Grossi, in zona cross, cerca direttamente la porta, mettendo paura a Piazza e compagne: il destro della 91 di casa si spegne a lato di poco. L’Academy si scuote nel finale, tornando pericolosa con la combinazione Marrone-Baldini: la prima crossa con precisione per la seconda, che tuttavia non riesce ad avvitarsi nella maniera più efficace.

Nel secondo tempo arriva quasi subito la prima iniezione di forze fresche. Menin rileva Bertolotti e la carica della 9 spinge le Titane con più frequenza negli ultimi venti metri di campo. L’autrice dell’eurogol di Como, però, non entra personalmente nel raddoppio, che è appannaggio di Massa e Barbieri: preciso il traversone dell’ex AS Roma per l’attaccante torinese, che di testa realizza il suo undicesimo centro in campionato, quello che le consente di prendere margine in vetta alla classifica delle bomber. La pratica però è tutt’altro che chiusa. Anche stavolta la Roma riemerge con rabbia, sfruttando, tra le altre cose, le imperfezioni di una costruzione di gioco non sempre fluida da parte delle Titane. Un nuovo pericolo per la porta ospite arriva 3’ dopo il 2-1: Orlando calcia forte in area, Alessia Piazza non riesce ad allontanare ma per fortuna delle ragazze di Conte non ci sono avversarie pronte ad appoggiare il pallone in rete. Al 18’ l’ottima intesa fra Menin e Marrone sulla corsia destra permette alla siciliana di guadagnare il fondo e di offrire un pallone ideale alla compagna, che sceglie alla perfezione i tempi dell’inserimento ma si incarta al momento della battuta a rete. Intanto entra anche Kuenrath per Baldini. La Roma non demorde e al minuto 28’ c’è un piccolo brivido per la retroguardia di Conte sulla punizione battuta forte da Orlando e “pizzicata” all’indietro da Marrone, a serio rischio autorete. L’ingresso di Cecchini per un’esausta Massa dà ulteriore linfa al pacchetto avanzato della formazione ospite. Che produce una nuova palla gol su angolo: la testa di Barbieri sbuca nella mischia e la palla sbatte sul palo, a Casaroli battuta. Grossi fa un nuovo tentativo dalla distanza, esplodendo un destro improvviso che, rimbalzando all’ultimo, si carica di ulteriore veleno, non abbastanza però per sorprendere Alessia Piazza. Con la Roma sempre viva e vivace, serve un colpo risolutivo per blindare i tre punti. E il colpo lo piazza Cecchini, che chiede e ottiene la battuta della punizione dal limite conquistata da Menin: la giovanissima sammarinese, specialista dei piazzati con la Primavera, conferma le sue doti anche in Prima Squadra, disegnando la traiettoria che le regala la prima esultanza con le compagne “grandi”. È l’episodio che chiude di fatto la pratica. L’Academy vince la seconda partita consecutiva, allunga la striscia positiva e scala posizioni, con l’idea di chiudere nel migliore dei modi, domenica, questo trittico di impegni ravvicinati, faticoso ma finora più che soddisfacente.

Ufficio Stampa San Marino Academy