Indietro
menu
la tradizione romagnola

Su YouTube il canale "Romagna slang" va “a treb” con i dialetti

In foto: le riprese
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: < 1 minuto
gio 24 feb 2022 12:36 ~ ultimo agg. 12:44
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura < 1 minuto
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

“Romagna slang a treb” è la continuazione della fortunata serie “Romagna Slang” che su YouTube, al momento, conta 4550 iscritti e oltre cinquecentomila visualizzazioni. L’Istituto Friedrich Schürr aps di Santo Stefano di Ravenna, associazione per la salvaguardia e la tutela del dialetto romagnolo, ha deciso di mandare la famiglia del nonno e i nipoti, interpreti di Romagna Slang, a veglia con i diversi dialetti romagnoli. Infatti da venerdì 25 febbraio, sullo stesso canale YouTube, ogni quindici giorni, verranno pubblicati dieci nuovi video realizzati e interamente finanziati dalla nostra Associazione, con le parlate di diversi dialetti della Romagna.

In ogni clip un “fulesta” interpreterà una storia della tradizione romagnola. Con il dialetto di Imola, Faenza, Bagnacavallo, Collina  faentina/forlivese, Forlì, Ville Unite, Ravenna, Cesena, Bellaria e Santarcangelo si sono rispettivamente cimentati i seguenti interpreti: Roselia Irti, Rita Gallegati, Paolo Parmiani, Mario Gurioli, Loretta Fiumana, Roberto Magnani, Nadia Galli, Maurizio Cirioni, Lorenzo Scarponi e Marco Giorgi. Gli attori della famiglia di Romagna Slang sono, come sempre, Alfonso Nadiani, Cristina Vespignani, Leonardo Donati e l’immancabile “saputone” Marco Grilli, oltre a diversi altri interpreti minori e comparse. Le musiche di Zaclen, Livio Rambelli e della tradizione popolare romagnola che accompagnano le clip, sono state interpretate da Roberto Bucci, Fabrizio Flisi e Gioele Sindona.

I testi e la scelta delle storie raccontate dai vari “fulesta” sono di Gilberto Casadio, Carla Fabbri e del regista Marco Colonna. I filmati, come sempre, sono stati realizzati con la professionalità del Gruppo Icaro di Rimini; i luoghi delle riprese sono stati gentilmente messi a disposizione dall’Azienda Agricola Solaroli Andrea di San Severo di Cotignola.