Indietro
venerdì 20 maggio 2022
menu
Calcio Serie D

Rimini-Forlì 4-1, le pagelle di Nicola Strazzacapa

In foto: L'undici biancorosso di partenza
di Icaro Sport   
Tempo di lettura lettura: 3 minuti
sab 12 feb 2022 17:02 ~ ultimo agg. 13 feb 16:49
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 3 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

MARIETTA 6. Incolpevole sul gol da due passi, si sporca i guanti per anestetizzare un’incornata dell’ex Ronchi. Attento anche sul sinistro di Rrapaj e sicuro sui palloni alti. Dopo qualche gara da interventi decisivi, una nuova partita di ordinaria amministrazione. C’è quando serve.

DERATTI 6.5. Chiude la fascia a doppia mandata con senso della posizione e sana robustezza. Si fa sentire nei contrasti e non disdegna la galoppata. Un’altra buona prestazione. Attento!

CARBONI 7. Nel ballottaggio dell’over in difesa Gaburro sceglie lui probabilmente anche per la pulizia nelle ripartenze. Detto fatto. Mette la museruola allo spauracchio Pera e si esibisce in aperture corte e lunghe. Timoniere!

PIETRANGELI 6.5. Risponde presente a ogni chiamata: attento e applicato, svetta su ogni pallone alto e quando serve usa le maniere forti. Totem!

HAVERI 6.5. Una doppia diagonale da scuola calcio scaccia i primi fantasmi nell’area biancorossa, qualche discesa libera alla Paris lascia intravedere lampi di inizio stagione. Un paio di sgrammaticature dietro, ma il saldo dare e avere è sicuramente in positivo. Cavallo pazzo!

GRESELIN 7. Spacca il derby rubando la sfera sul giro palla della difesa e involandosi verso Stella: inevitabile il fallo da rigore di Malandrino. Lo chiude con un nuovo inserimento centrale chiuso da un tap-in da bomber d’area. Sono sei gol in campionato, roba extra lusso per un centrocampista non sempre titolare. E 30 per il Rimini nelle 10 gare al Neri. Corre ovunque, insegue tutti e sfiora la doppietta con un bel destro dal limite. Centrocampattaccante!

TANASA 7. Prende in mano il volante e telecomanda ogni compagno in un pressing alto che per mezzora manda in tilt il Forlì indirizzando la sfida sui binari della tranquillità. Può così dedicarsi ad amministrare corse ed energie, riemergendo con un prepotente recupero nel finale. Capitanissimo!

TONELLI 7. Ritrova la maglia da titolare dopo tre turni e si ripresenta con un gol dell’ex in cui sfoggia tutte le sue doti: grande capacità di gettarsi negli spazi e freddezza da attaccante sotto misura. Amministra un’infinità di palloni e pressa con buon dinamismo. Fosforo!

GABBIANELLI 8. In dieci minuti trasforma il penalty dell’1-0 e serve un assist al bacio per il 2-0 di Tonelli. Poi inizia a ricamare calcio e sul 3-0, un’apertura no look per Piscitella è da stropicciarsi gli occhi. Nella ripresa pare faticare, ma a sei giri di lancette dal gong estrae anche il coniglio dal cilindro: sinistro a giro dal limite e palla all’incrocio per la doppietta da 10 gol (e lode con quello di Coppa) in campionato. Extraterrestre!

MENCAGLI 6. Vince quasi tutti i duelli aerei con Ronchi sulla trequarti, svaria e gioca bene di sponda per tutti, ma si divora la pietra tombale della sfida sparando contro Stella da due metri. Dopo l’intervallo ci prova anche in rovesciata e poi lascia spazio a Germinale. Prezioso!

PISCITELLA 7. Quando apre i cavalli e aziona il turbo asfalta la fascia seminando avversari come fossero cinesini per gli esercizi da allenamento. Sulla prima accelerata confeziona il 3-0 di Greselin, con la seconda mette Mencagli a tu per tu con Stella grazie a un colpo da biliardo. Nella ripresa sfodera anche il dribbling di tacco e viene sfruttato meno del dovuto viste le praterie a disposizione. Arma letale!

20’ st GERMINALE 6. Entra per addormentare il derby e far salire i compagni e svolge bene il compito.

28’ st FERRARA 6. Un paio di slalom da Tomba old style, un contropiede strozzato da un calcione e la consueta intelligenza nel tenere palla.

32’ st CALLEGARO 6. Fa il suo esordio in maglia a scacchi con una ventina di minuti di personalità, conditi da un’apertura di prima a tutto campo e un tackle in ripiegamento sulla riga dell’area grande. Bene così. Benvenuto!

40’ st PECCI SV.

44’ st PARI SV.

GABURRO 8. Non ci sono quasi più parole, anche se il cammino verso il traguardo è ancora lungo. Sceglie Carboni per far ripartire l’azione e riceve in cambio lanci da dietro alla Bonucci, opta per il centrocampo over e vede andare in rete sia Greselin che Tonelli, tiene in campo Gabbianelli e lo vede infilare un 4-1 da altre categorie. Con il 4-1 al Forlì siamo a cinque hurrà consecutivi e 31 punti in 11 partite al Neri, ottenuti grazie 34 gol fatti e tre subiti. Chapeau!

Nicola Strazzacapa

IL DOPOGARA

VOTA IL MIGLIOR BIANCOROSSO IN CAMPO