Indietro
menu
Gli interventi nel riminese

Pioggia di milioni sulla sanità. In Romagna 133 milioni di euro

In foto: l'ospedale Infermi
di Redazione   
Tempo di lettura lettura: 8 minuti
mar 22 feb 2022 12:22 ~ ultimo agg. 19:35
Facebook Whatsapp Telegram Twitter
Print Friendly, PDF & Email
Tempo di lettura 8 min
Facebook Twitter
Print Friendly, PDF & Email

A due anni dal primo caso di Covid in Emilia-Romagna, datato 22 febbraio 2020, in Regione vengono presentati gli investimenti che saranno messi in campo sulla sanità nei prossimi anni grazie anche al Pnrr. Si tratta di oltre mezzo miliardo di euro destinati alla telemedicina, a nuove Case di comunità e all’ammodernamento degli ospedali. I finanziamenti sono già stati ripartiti tra le Aziende e gli Enti del servizio sanitario regionale ed entro il 2023 dovranno essere completate tutte le gare per l’affidamento dei lavori, che andranno ultimati entro il 2026. Le risorse sono suddivise tra Componente 1 “Reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale” e Componente 2 “Innovazione, ricerca e digitalizzazione del servizio sanitario nazionale”. All’Ausl Romagna sono stati destinati 133.879.982,21 euro: 52.336.781,22 € saranno investiti per il primo componente e i restanti 81.543.200,99 per il secondo.

Gli investimenti nel riminese:

. Componente 1

  1. Nuova costruzione della Casa della Comunità di Bellaria (RN): 1.600.000€
  2. Ristrutturazione della Casa della Comunità di Santarcangelo di Romagna (RN): 200.000€
  3. Manutenzione straordinari della Casa della Comunità di Novafeltria (RN): 100.000 €
  4. Nuova costruzione della Casa della Comunità di Riccione (RN): 1.600.000 €
  5. Ristrutturazione della Casa della Comunità di Morciano di Romagna (RN): 1.000.000 €
  6. Ristrutturazione della Centrale Operativa Territoriale di Rimini: 240.000 €
  7. Manutenzione straordinaria della Centrale Operativa Territoriale di Novafeltria (RN): 80.000 €
  8. Nuova costruzione dell’Ospedale di Comunità di Rimini: 3.200.000 €
  9. Nuova costruzione dell’Ospedale di Comunità di Novafeltria (RN): 2.700.000,00 €
  10. Ristrutturazione dell’Ospedale di Comunità di Cattolica (RN): 2.700.000,00 €

. Componente 2

  1. Sviluppo del sistema informativo dell’Ospedale “Infermi” di Rimini DEA II Livello: 4.826.303 €
  2. Sviluppo del sistema informativo dell’Ospedale “Ceccarini” di Riccione DEA I Livello 1.183.653 €
  3. Realizzazione di un nuovo padiglione ospedale Infermi di Rimini 22.800.471,66 €
  4. Interventi per il miglioramento /adeguamento sismico ospedali Azienda Usl Romagna: 10.000.000 €

Il Piano viene presentato oggi all’Assemblea legislativa regionale.

Complessivamente, dunque, l’Emilia-Romagna può contare su 529 milioni di euro (di cui 431 di finanziamenti PNRR e 98 previsti dal PNC): fondi che attengono appunto alla Missione Salute (la numero 6) del PNRR, Componente 1 “Reti di prossimità, strutture e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale” e Componente 2 “Innovazione, ricerca e digitalizzazione del servizio sanitario nazionale”.

In Emilia-Romagna, grazie a un lavoro capillare fatto molto rapidamente insieme ai territori, siamo pronti a dare concreta attuazione al Piano nazionale di ripresa e resilienza per la parte salute, una opportunità unica di crescita e rafforzamento del nostro servizio sanitario regionale– sottolineano il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini-. La pandemia ha confermato il valore universale della salute e la forza di un sistema capace di non lasciare indietro nessuno e di prendersi cura di tutti. Ora vogliamo fare ancora di più: attraverso soprattutto il potenziamento dei servizi territoriali, il rafforzamento dell’assistenza domiciliare, lo sviluppo della telemedicina e una più efficace integrazione con tutti i servizi sociosanitari. L’obiettivo è chiaro: rendere la sanità più vicina ai cittadini e portarla nelle comunità locali, per intercettare da subito nuove fragilità e bisogni. Ringraziamo tutti coloro che, dalle Conferenze territoriali sociosanitarie alle Aziende sanitarie e ospedaliere, dagli Irccs ai servizi della Regione, hanno lavorato presto e bene per definire un programma di interventi che non ha precedenti: l’Emilia-Romagna è pronta a fare un nuovo passo avanti. E farlo insieme”.

La ripartizione delle risorse sul territorio

Per l’attuazione degli investimenti, la Giunta ha provveduto ad assegnare sul territorio i 529 milioni attribuiti alla Regione Emilia-Romagna: all’Ausl di Piacenza sono destinati 23.364.417 euro (di cui 13.325.447 per la Componente 1 e 10.038.970 per la Componente 2); Ausl Parma 26.088.063 (21.152.918 Componente 1 e 4.935.144 Componente 2); Ausl Reggio Emilia 55.492.023 (24.736.271 Componente 1 e 30.755.751 Componente 2); Ausl Modena 45.556.177 (32.950.539 Componente 1 e 12.605.638 Componente 2); Ausl Bologna 71.593.485 (41.285.140 Componente 1 e 30.308.344 Componente 2); Ausl Imola 13.106.305 (6.220.914 Componente 1 e 6.885.391 Componente 2); Ausl Ferrara 32.848.483 (16.005.638 Componente 1 e 16.842.844 Componente 2); Ausl Romagna 133.879 (52.336.781 Componente 1 e 81.543.200 Componente 2).

Ulteriori fondi sono destinati alle Aziende Ospedaliero Universitarie e Irccs, e riguardano chiaramente solo la linea di finanziamento per la Componente 2: Azienda Ospedaliero Universitaria Parma 35.694.440; Aou Modena 27.449.256; Irccs Aou Bologna (Policlinico Sant’Orsola) 33.488.022; Aou Ferrara 9.640.702; Irccs Istituto Ortopedico Rizzoli 21.337.812.

Casa della Comunità

La Regione Emilia-Romagna parte da un contesto di strutture sanitarie territoriali già consolidato, in quanto può contare su 127 Case della Salute operative. La programmazione nazionale prevede che la regione debba realizzare 84 nuovi interventi, finanziati con 124 milioni 671mila euro: in totale 6 a Piacenza, 8 a Parma, 10 a Reggio Emilia, 13 a Modena, 17 a Bologna, 3 a Imola, 6 a Ferrara e 21 in Romagna.

Le Case della Comunità consentiranno di potenziare e riorganizzare i servizi offerti sul territorio migliorandone la qualità, diventando lo strumento attraverso cui coordinare tutti i servizi offerti, in particolare ai malati cronici. Vi opererà (come avviene già nelle Case della Salute) un team multidisciplinare di medici di medicina generale, pediatri di libera scelta, medici specialistici, infermieri di comunità, altri professionisti della salute e anche assistenti sociali, per una maggiore integrazione con la componente sanitaria assistenziale.

Centrali Operative Territoriali e telemedicina

IL PNRR ha introdotto per la sanità territoriale il modello organizzativo della Centrale Operativa Territoriale che svolge una funzione di coordinamento della presa in carico della persona e raccordo tra i servizi coinvolti nell’assistenza – attività territoriali, sanitarie e sociosanitarie – dialogando con la rete dell’emergenza-urgenza. Previsto il potenziamento dell’utilizzo della telemedicina per supportare al meglio i pazienti, in particolare con malattie croniche e/o non autosufficienti.

La regione dovrà realizzare 45 Centrali Operative Territoriali finanziate con 15 milioni 338mila euro: 3 a Piacenza, 5 a Parma, 5 a Reggio Emilia, 7 a Modena, 9 a Bologna, 1 a Imola, 4 a Ferrara e 11 in Romagna.

Ospedale di Comunità

L’investimento mira al potenziamento dell’offerta dell’assistenza intermedia al livello territoriale attraverso l’attivazione dell’Ospedale di Comunità, struttura sanitaria a ricovero breve destinata a pazienti che necessitano di interventi sanitari a media/bassa intensità clinica e per degenze di breve durata. Queste strutture determinano una riduzione di accessi impropri ai servizi sanitari, come ad esempio quelli al Pronto soccorso o ad altre strutture di ricovero ospedaliero, o il ricorso ad altre prestazioni specialistiche. L’Ospedale di Comunità potrà anche facilitare la transizione dei pazienti dalle strutture ospedaliere per acuti al proprio domicilio, consentendo alle famiglie di avere il tempo necessario per adeguare l’ambiente domestico e renderlo più adatto alle esigenze di cura dei pazienti.

In Emilia-Romagna sono già presenti 32 Ospedali di Comunità; la programmazione nazionale prevede la realizzazione di ulteriori 27 strutture, per un investimento da 68 milioni di euro: 2 a Piacenza, 3 a Parma, 3 a Reggio Emilia, 4 a Modena, 5 a Bologna, 1 a Imola, 2 a Ferrara e 7 in Romagna.

Ammodernamento del parco tecnologico e digitale ospedaliero

Per ospedali sempre più proiettati nel futuro, la Regione ha previsto un investimento in infrastrutture tecnologiche e digitali ospedaliere tramite la sostituzione di 232 apparecchiature ad alto contenuto tecnologico che abbiano più di 5 anni. Gli interventi sono finanziati per 80, 8 milioni di euro; i principali riguardano 26 tomografi computerizzati, 12 tomografi a risonanza magnetica 1,5 Tesla, 2 acceleratori lineari, 1 gamma camera, 6 gamma camera/CT, 2 Pet Tc TC e 36 mammografi con tomosintesi.

Precisamente, degli 80.865.967 milioni di euro che il PNRR destina per l’ammodernamento del parco tecnologico e digitale ospedaliero, 69.659.762 sono già assegnati alle Aziende sanitarie. Per la restante parte le Aziende dovranno fare, di concerto con il ministero, la programmazione per l’acquisizione delle tecnologie.

Per quanto riguarda la “transizione digitale” delle strutture ospedaliere, l’ammodernamento degli asset tecnologici, la digitalizzazione dei processi clinico-assistenziali ospedalieri delle strutture Dea (Dipartimenti di emergenza e accettazione) di I e II livello sono previsti 20 interventi su tutto il territorio regionale finanziati con 98,6 milioni di euro.

Ospedali sicuri e sostenibili

Nel corso del 2021 la Regione Emilia-Romagna ha individuato 14 interventi per il miglioramento o l’adeguamento sismico delle strutture ospedaliere, finanziati con 142 milioni di euro (4 interventi, per 43,4 milioni, con fondi PNRR e 10 interventi, per 98,6 milioni, con il Fondo Complementare). Gli interventi principali riguardano l’ospedale Maggiore di Parma, l’ospedale di Guastalla e Castelnuovo ne’ Monti (Re), il Policlinico di Modena, l’ospedale Bellaria, il Policlinico Sant’Orsola e l’Istituto Ortopedico Rizzoli di Bologna, l’ospedale di Argenta (Fe), l’ospedale di Forlì e l’ospedale degli Infermi di Rimini.

Ausl Romagna

Le risorse complessive del PNRR destinate alla salute, disponibili per l’Ausl della Romagna ammontano a 133.879.982,21 euro. Di questi, 52.336.781,22 € saranno investiti per il primo componente “Reti di prossimità e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale”, i restanti 81.543.200,99 € invece sono stanziate per il secondo componente “Innovazione, ricerca e digitalizzazione del servizio sanitario nazionale”. Di seguito il dettaglio degli interventi in programma.

. Componente 1: Reti di prossimità e telemedicina per l’assistenza sanitaria territoriale

Investimento 1.1 Case della Comunità e presa in carico della persona

L’ammontare complessivo di questi 21 interventi è pari a 31.367.790,26 € così distribuiti:

  1. Manutenzione straordinaria della Casa della Comunità di Ravenna (CMP): 100.000 €
  2. Nuova Costruzione della Casa della Comunità di Ravenna (Darsena): 6.817.790,26 €
  3. Ristrutturazione della Casa della Comunità di Cervia (RA): 1.600.000 €
  4. Nuova Costruzione della Casa della Comunità di Lugo (RA): 1.700.000,00 €
  5. Manutenzione straordinaria della Casa della Comunità di Bagnacavallo (RA): 150.000 €
  6. Manutenzione straordinaria della Casa della Comunità di Alfonsine (RA): 100.000 €
  7. Nuova costruzione della Casa della Comunità di Faenza (RA): 1.600.000 €
  8. Manutenzione straordinaria della Casa della Comunità di Castelbolognese (RA): 100.000 €
  9. Nuova costruzione della Casa della Comunità di Forlì (area ex Mangelli): 9.400.000 €
  10. Manutenzione straordinaria della Casa della Comunità di Forlimpopoli (FC): 100.000 €
  11. Nuova costruzione della Casa della Comunità di Castrocaro (FC): 1.600.000,00 €
  12. Ristrutturazione della Casa della Comunità di Modigliana (FC): 400.000 €
  13. Nuova costruzione della Casa della Comunità di Cesenatico (FC): 2.100.000 €
  14. Ristrutturazione della Casa della Comunità di Savignano sul Rubicone (FC): 400.000 €
  15. Ristrutturazione della Casa della Comunità di Bagno di Romagna (fraz. San Piero in Bagno -FC): 300.000 €
  16. Ristrutturazione della Casa della Comunità di Mercato Saraceno (FC): 400.000€
  17. Nuova costruzione della Casa della Comunità di Bellaria (RN): 1.600.000€
  18. Ristrutturazione della Casa della Comunità di Santarcangelo di Romagna (RN): 200.000€
  19. Manutenzione straordinari della Casa della Comunità di Novafeltria (RN): 100.000 €
  20. Nuova costruzione della Casa della Comunità di Riccione (RN): 1.600.000 €
  21. Ristrutturazione della Casa della Comunità di Morciano di Romagna (RN): 1.000.000,00 €

Investimento 1.2: Casa come primo luogo di cura e telemedicina

L’ammontare complessivo di questi 10 interventi è pari a 3.859.287,18 €, così distribuiti: 1.959.575,61 in strutture, 804.679,45 € in interconnessioni, 1.095.032,12 € in dispositivi medici.

Investimento 1.2.2: COT Strutture

  1. Manutenzione straordinaria della Centrale Operativa Territoriale di Ravenna: 420.975,61 €
  2. Ristrutturazione della Centrale Operativa Territoriale di Forlì: 406.200 €
  3. Ristrutturazione della Centrale Operativa Territoriale di Santa Sofia (FC): 253.700,00 €
  4. Ristrutturazione della Centrale Operativa Territoriale di Cesenatico (FC): 152.500,00 €
  5. Ristrutturazione della Centrale Operativa Territoriale di Savignano (FC): 152.500,00 €
  6. Ristrutturazione della Centrale Operativa Territoriale di Cesena (FC): 253.700 €
  7. Ristrutturazione della Centrale Operativa Territoriale di Rimini: 240.000 €
  8. Manutenzione straordinaria della Centrale Operativa Territoriale di Novafeltria (RN): 80.000 €

Investimento 1.2.2: COT Interconnessioni Aziendali

  1. Centrali Operative Territoriali – interconnessione: 804.679,45 €

Investimento 1.2.2 COT Device

  1. Acquisizione Dispositivi Medici per allestimento COT: 1.095.032,12 €

Investimento 1.3 Rafforzamento dell’assistenza sanitaria e delle sue strutture (Ospedali di Comunità)

L’ammontare complessivo di questi 3 interventi è pari a 17.109.703,78 € così distribuiti:

  1. Nuova costruzione dell’Ospedale di Comunità di Ravenna (Darsena): 4.409.703,78 €
  2. Ristrutturazione dell’Ospedale di Comunità di Russi (RA): 1.000.000 €
  3. Manutenzione straordinaria dell’Ospedale di Comunità di Forlimpopoli (FC): 100.000 €
  4. Nuova costruzione dell’Ospedale di Comunità di Cesenatico (FC): 3.000.000 €
  5. Nuova costruzione dell’Ospedale di Comunità di Rimini: 3.200.000 €
  6. Nuova costruzione dell’Ospedale di Comunità di Novafeltria (RN): 2.700.000,00 €
  7. Ristrutturazione dell’Ospedale di Comunità di Cattolica (RN): 2.700.000,00 €

. Componente 2: Innovazione, ricerca e digitalizzazione del servizio sanitario nazionale

2.1 Aggiornamento tecnologico e digitale

Investimento 1.1: Ammodernamento del parco tecnologico e digitale ospedaliero

L’ammontare complessivo di questi interventi è pari a 40.684.021,81 € così distribuiti:

Investimento 1.1: Digitalizzazione sedi DEA I e II livello

  1. Sviluppo del sistema informativo dell’Ospedale “Santa Maria delle Croci” di Ravenna DEA II Livello: 4.651.256,04 €
  2. Sviluppo del sistema informativo dell’Ospedale “Morgagni-Pierantoni” di Forlì DEA II Livello: 3.767.682 €
  3. Sviluppo del sistema informativo dell’Ospedale “Maurizio Bufalini” di Cesena DEA II Livello: 3.867.711 €
  4. Sviluppo del sistema informativo dell’Ospedale “Infermi” di Rimini DEA II Livello: 4.826.303 €
  5. Sviluppo del sistema informativo dell’Ospedale “Umberto I” di Lugo DEA I Livello: 2.017.212 €
  6. Sviluppo del sistema informativo dell’Ospedale “Degli Infermi” di Faenza DEA I Livello 1.942.193
  7. Sviluppo del sistema informativo dell’Ospedale “Ceccarini” di Riccione DEA I Livello 1.183.653 €

Investimento 1.1 Alta e media tecnologia

  1. L’azienda sanitaria avrà complessivamente a disposizione 18.428.011,77 € per la sostituzione di macchinari esistenti e l’acquisizione di nuovi (per esempio Mammografi o Ecotomografi)

Investimento 1.2 Ospedale Sicuro e Sostenibile

L’azienda sanitaria avrà complessivamente a disposizione 40.859.179,18 € per interventi destinati al miglioramento strutturale degli edifici ospedalieri, adeguandoli alle normative antisismiche:

  1. Realizzazione nuovo padiglione ospedale Morgagni Pierantoni di Forlì: 8.058.707,52 €
  2. Realizzazione di un nuovo padiglione ospedale Infermi di Rimini 22.800.471,66 €
  3. Interventi per il miglioramento /adeguamento sismico ospedali Azienda Usl Romagna: 10.000.000 €